Una scuola di parità per aspiranti amministratori

E' quella che organizza la consigliera di parità insieme all'università dell'Insubria: sessanta ore di corso gratuito, fino a maggio, per amministrare pensando concretamente anche alle donne

Di fronte a una consultazione elettorale che tra poche settimane coinvolgerà circa 90 comuni in provincia e –  si stima – circa 1000 donne candidate, ma solo 20 sindaci su 139 di sesso femminile, è arrivato il momento di fare il punto della situazione in maniera più approfondita. Studiare, cioè,  come si può fare una politica "inclusiva per le donne".

Per farlo concretamente è stato concepito un corso articolato in dieci moduli per una durata complessiva di 60 ore, di formazione politica, giuridica e amministrativa rivolto a chi vuole governare l’ente locale in un’ottica di genere, cioè al femminile.
Tutto completamente gratuito e curato da una decina di docenti dell’Università degli Studi dell’Insubria e professionisti coordinati dal professor Fabio Minazzi, (ordinario di Filosofia teoretica, Università degli Studi dell’Insubria, presidente del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione).

Questa è infatti la sintesi dell’iniziativa dedicata alle “Donne in politica”, proposta e realizzata dalla Consigliera di Parità della Provincia di Varese in collaborazione con l’Università dell’Insubria (il Corso di laurea in Scienze della Comunicazione e il Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate) e La Provincia di Varese,  con il patrocinio dell’ANCI Lombardia e della Consulta Provinciale: una iniziativa non – e non solo – diretta alle donne che vogliono entrare in politica, a ma a tutti gli aspiranti amministratori che vogliono lavorare per rendere concreta una maggiore partecipazione femminile.

Il corso, in programma da febbraio a maggio nelle aule varesine dell’Università dell’Insubria e nella Sala Consiliare della Provincia di Varese, vuole fornire un quadro di cultura politica, sociale, giuridica, filosofica ed economica per estendere la consapevolezza sul tema della parità, delle pari opportunità e sulle discriminazioni di genere e per applicare al meglio le strategie di contrasto.

«In una società moderna in continua trasformazione, ci è sembrato opportuno e urgente, vista anche la vicinanza con le elezioni amministrative di maggio – dichiara la Consigliera di Parità, Luisa Cortese – di garantire la partecipazione paritaria di donne e uomini alla vita economica e sociale, in particolare all’impegno politico, con adeguate conoscenze, competenze e percorsi comuni capaci di favorire il confronto, la partecipazione ma soprattutto una buona e corretta amministrazione se presenti nelle istituzioni».

In questa comune prospettiva «il Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione – ha dichiarato il professor Fabio Minazzi – ha messo molto volentieri a disposizione del territorio insubrico le proprie risorse e le proprie competenze professionali per avviare un percorso di formazione in grado di aiutare la diffusione di una conoscenza e di una riflessione finalizzata a rendere sempre più consapevoli gli amministratori della complessità delle sfide civili che dovranno affrontare nel gestire i nostri territori».

Il primo modulo di tre ore, partirà martedì 25 febbraio alle 17,00 all’Università degli Studi dell’Insubria, nella sede di via Monte Generoso, a Varese. I temi trattati nel primo incontro sono: “Partiti e movimenti politici: evoluzione e contesto”; “Il sistema politico della seconda Repubblica”e “Federalismo e centralismo nella struttura dello Stato

Le iscrizioni sono gratuite e scadono il 18 febbraio: i posti sono 50. Chi è interessato può mettersi in contatto con l’Ufficio Consigliera di Parità, telefonando allo 0332 252729, o iscriversi direttamente on line alla pagina www.provincia.va.it/donneinpolitica.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.