La cucina italo-cinese nascerà dagli studenti del Falcone?

L'idea è di portare gli studenti italiani in Cina e viceversa per poi dar vita a nuove pietanze create insieme. Obiettivo: un evento all'interno di Expo 2015

Sarà una nuova "cucina" quella che potrebbe nascere dall’incontro fra gli studenti italiani e cinesi? Forse, ma lo scopriremo solo fra qualche mese quando ci sarà uno scambio fra gli studenti dell’alberghiero dell’Istituto Falcone e quelli di una scuola in Wuhan.
Il progetto – che sarà definitivo solo se ci saranno almeno 10 studenti partecipanti – è promosso da ScuolaImpresa con l’Istituto Giovanni Falcone, ConfApi Varese, Dialogarte e ha il patrocinio di Regione Lombardia. Obiettivo finale: un evento all’interno di Expo 2015.
«L’iniziativa ha una valenza eccezionale – spiega Angela Romano, presidente di ScuolaImpresa -. Da tre anni stiamo lavorando con la Cina per creare degli spazi per migliorare la professionalità dei giovani e dare loro occasioni di lavoro. E abbiamo deciso di partire proprio dall’alberghiero».
L’idea è di portare per due settimane (in ottobre) gli studenti italiani in Cina e i cinesi in Italia per conoscere la cucina dei due paesi. Gli studenti continueranno poi a lavorare insieme dai rispettivi paesi attraverso i mezzi virtuali per confrontarsi ed ideare novità tramite l’unione di ingredienti di entrambi i paesi, ingredienti che possano dar vita a nuovi sapori, aromi e quindi pietanze che abbiano anche il senso della globalità e della vicinanza. Il percorso si chiduerà poi con un evento da organizzare all’interno di Expo 2015 per presentare i nuovi piatti
Da oggi gli studenti del Falcone interessati potranno iscriversi per partecipare al progetto. La quota a loro carico comrpende le spese di viaggio, alloggio e trasporti (1,500 euro), mentre tutto il lavoro organizzativo non è carico degli studenti. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 maggio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.