Borghese da applausi, disastro Luoni

Il difensore centrale meriterebbe il gol, il terzino invece non ne azzecca una. Falcone da "Chi l'ha visto", buone prove di Perucchini e Jakimovski

PERUCCHINI 6,5 – Buona la prima anche a Masnago dopo le prestazioni incoraggianti di Roma e La Spezia: attento su un tiro da fuori nel primo tempo, incolpevole sul gol, reattivo sulle occasioni create… dai compagni con qualche retropassaggio pericoloso.

LUONI 4,5 – Nel grigiore del primo tempo lui ci mette un paio di pennellate nero-cupo: il gol è frutto in primis di una sua indecisione, lascia troppi buchi in fascia, sbaglia cross relativamente semplici. Giornata da dimenticare.

REA 5 – Giocherebbe anche una discreta partita se non fosse protagonista di due errori gravissimi: il primo, sul gol, è da condividere con i compagni; il secondo, quando divora una rete già fatta, è confezionato in solitaria. Sbagli troppo pesanti.

BORGHESE 7 – Il migliore in campo del Varese: tenta per due volte di segnare di testa e trova Gabriel, pali, traverse e gomiti a dirgli di no. In difesa invece regge l’urto di Mbakogu, stando attento a non sfidarlo sulla velocità pura ma ostacolandolo con le buone o, se necessario, con le cattive.

(Primi minuti varesini per Nikola Jakimovski / foto S. Raso)

FIAMOZZI 5,5 – Responsabile di un’ingenuità colossale in occasione del gol, quando ha Mbakogu alle spalle e si fa ugualmente anticipare dall’attaccante. Con una scivolata avrebbe probabilmente risolto la situazione che invece è precipitata. Meglio nella ripresa e in generale quando ha potuto mettere il turbo nelle gambe.

ZECCHIN 6,5 – Il Varese crea gran parte delle occasioni su calci da fermo, e in questo Zecco ha pochi rivali in Serie B. Nel primo tempo ci prova anche con palla in movimento ma il suo sinistro tagliato trova pronto il portiere. Poi produce una serie di palle invitanti che i compagni non riescono a trasformare in gol.
(Lupoli 6 – Si presenta con un paio di errori, però trova anche il tiro “della speranza” che si spegne di un soffio a lato).

CAPEZZI 6 – Magari meno preciso di altre partite, ma ha il pregio di essere sempre nel vivo dell’azione e sempre con modi che denotano personalità. Avercene di gente come lui: uno dei pochi vivaci anche nella prima frazione.

CORTI 5 – Corre tanto ma lo fa spesso a vuoto. Spesso polemico, costretto più di una volta a rimediare ai suoi stessi errori di impostazione, appare piuttosto impreciso o, almeno, solo lontano parente dal Corti che conosciamo.

FALCONE 5 – Completamente assente in tutto il primo tempo, e questa sua sparizione si ripercuote anche su un Luoni già in difficoltà di suo. Meglio, per via di qualche spunto, a inizio ripresa ma non si può certo parlare di riscossa.
(Jakimovski 6,5 – Entra con il piglio giusto, prova subito ad accelerare e favorire il movimento dei compagni. Buon esordio).

MIRACOLI 5,5 – Compagno di sparizione di Falcone per tre quarti d’ora, quando inizia a muoversi si vede eccome. Diverse belle sponde di testa alla ricerca dei compagni, parecchie sportellate in area. Però non trova mai la porta e per un centravanti questo costa la sufficienza. 

NETO PEREIRA 6,5 – Lascia stupefatti tutti, nel primo tempo, quando è tra i pochi a correre nonostante età e acciacchi, ruolo e marcature. Nel tanto, ci mette anche qualche errore di misura e di valutazione, però gioca sempre al di sopra della media.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.