Come sostenere la ricerca sulle malattie genetiche…al ristorante

L'iniziativa si chiama “Aggiungi un posto a tavola” e prevede di pagare uno o più coperti in più per sostenere la ricerca sulle malattie rare all'ospedale di Circolo di Varese

Da metà febbraio a metà marzo si potrà sostenere l’associazione “La gemma rara” aggiungendo al conto del ristorante l’importo di uno o più coperti, da destinare alla ricerca sulle malattie rare. 

Per compiere questo gesto di solidarietà, basterà scegliere uno dei ristoranti presenti sul sito www.lagemmarara.org . Sostenendo il progetto “Aggiungi un posto a Tavola” si offrirà il proprio contributo all’attività di ricerca, studio, diagnosi e prevenzione delle malattie rare.

I fondi raccolti verranno destinati a pagare borse di studio per biologi e medici, in modo da potenziare le attività diagnostiche e di studio delle malattie rare attraverso le più avanzate tecnologie di indagine genetica.

Il progetto è patrocinato dall’Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese e realizzato in collaborazione con Forma e Funzione e Moskito Design. L’associazione "La gemma rara" , nata nel 2007, ha come obiettivo la ricerca per la diagnosi e la prevenzione delle malattie rare, oltre al superamento dei problemi di disagio sanitario e sociale che queste comportano.
Più volte ha svolto l’attività di ausilio dedicata all’Unità Operativa Citogenetica e Genetica Medica dell’Ospedale di Circolo di Varese, riuscendo a soddisfare il sempre crescente numero di richieste di prestazioni mediche.

“La gemma rara” conta oggi sulla collaborazione di circa 50 soci sostenitori, tra cui collaboratori privati, aziende, club ed associazioni. “Aggiungi un posto a tavola” si svolgerà in concomitanza con la “Giornata delle malattie rare”, che si terrà il 28 febbraio in tutto il mondo. Un evento globale volto a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema delle malattie rare e sulle sfide comuni che malati e famiglie affrontano quotidianamente.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.