Ditta Gallazzi, Senaldi: “Un incontro col ministero al più presto”

Dopo la lettera dei sindaci di Gallarate e Tradate, l'onorevole del PD ha chiesto un interessamento dell'Unità per la Gestione delle Vertenze delle Imprese in Crisi

Le Rsu della ditta Gallazzi potrebbero incontrare il ministero dello Sviluppo Economico nelle prossime settimate. A dirlo è il deputato del PD Angelo Senaldi che spiega di aver portato la vicenda all’attenzione dell’Unità per la Gestione delle Vertenze delle Imprese in Crisi. «Le Rsu potranno – spiega Senaldi – incontrare al ministero dello Sviluppo Economico sia i tre commissari incaricati della gestione straordinaria dell’impresa, che ha uno stabilimento a Tradate e uno a Gallarate per un totale di 210 lavoratori, sia i tecnici del ministero stesso. Non posso fare previsioni precise sulla data, ma è probabile che l’appuntamento avvenga entro un paio di settimane, anche se sarebbe auspicabile una evoluzione nel più breve tempo possibile. Spero di avere dato un contributo per accelerare il confronto tra le parti, per fare chiarezza sulle mosse del Ministero e soprattutto per rassicurare i dipendenti e le loro famiglie».
E’ sempre di oggi la notizia che i sindaci di Gallarate e Tradate – Guenzani e Cavallotti – hanno scritto al ministero per chiedere una soluzione il più rapida possibile. La ditta Gallazzi, attiva nella produzione di film in pvc, era amministrata da un commissario. Oggi il suo bilancio è sotto controllo, gli ordini non mancano e pronto ad acquistarla c’è un compratore non concorrente, fatto che rappresenta un’importante tutela, una garanzia della volontà di mantenere i posti di lavoro. «Nonostante questo – continua Senaldi -, il ministero ha nominato altri 2 commissari, rallentando, per ora in modo incomprensibile, un positivo sviluppo della vicenda. L’incertezza attuale rischia di far perdere ordini. Ringrazio per la disponibilità dimostrata dagli interlocutori che ho contattato all’Unità Imprese in Crisi ma auspico anche una soluzione rapida».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.