Ecco come si elegge il Presidente della Repubblica

All’elezione del Presidente della Repubblica partecipano tutti i membri del Parlamento (di Camera e Senato) riuniti in seduta comune insieme ai rappresentanti delle regioni

Si aprono le elezioni del presidente della Repubblica. Ecco come avverrà e chi partecipa al voto:

CHI VOTA IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
All’elezione del Presidente della Repubblica partecipano tutti i membri del Parlamento (di Camera e Senato) riuniti in seduta comune insieme ai rappresentanti delle regioni. A questa tornata parteciperanno quindi 321 senatori, 630 deputati e 58 delegati regionali.
Sulla carta, tra le formazioni politiche più numerose, il Partito Democratico ha 446 voti, Forza Italia 142, il Movimento 5 Stelle 129, Ncd e Udc 75 e la Lega Nord 38. In totale gli elettori sono 1009.

QUANDO E COME
Le votazioni per il presidente della Repubblica avranno inizio alle 15 di giovedì 29 gennaio. I grandi elettori attraverseranno le cabine opportunamente montate all’interno del Parlamento dove scriveranno il nome del candidato per poi depositare la scheda all’interno delle urne.
Lo spoglio verrà fatto dal presidente della Camera attraverso la lettura dei nomi. A tenere il conto saranno i funzionari di Montecitorio. A presiedere la camera saranno Laura Boldrini (Sel) e Valeria Fedeli (Pd).

CHI PUO’ ESSERE ELETTO
Come recita l’articolo 84 della Costituzione può essere eletto presidente ogni cittadino che abbia compiuto cinquanta anni d’età e goda dei diritti civili e politici. Per essere candidati iscritti a verbale bisogna ricevere almeno due preferenze dallo spoglio dell’urna.

IL RAGGIUNGIMENTO DEL QUORUM

Il quorum richiesto per l’elezione del presidente è quello dei due terzi degli elettori (ovvero 673 voti) nei primi tre scrutini. Dal quarto scrutinio in poi sarà sufficiente la maggioranza assoluta di 505 voti.
Nel 1971 per eleggere il presidente Giovanni Leone furono necessari 23 scrutini. Per eleggere Giorgio Napolitano furono necessari 4 scrutini la prima volta e 6 votazioni la seconda. Nel 1999 Carlo Azeglio Ciampi fu eletto al primo scrutinio in sole 2 ore e 40 minuti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.