Esplosione a Roma, non si esclude la pista dolosa

Potrebbe essere stata premeditata l'esplosione che ha devastato una palazzina nella periferia romana e provocato la morte di una persona e il ferimento di altre 14

Un morto e 14 persone ferite. È questo il pesante bilancio dell’esplosione avvenuta in un palazzo alla periferia di Roma, questa mattina attorno alle 3, in zona Colli Aniene. L’esplosione, a quanto riferisce l’Ansa, sarebbe stata innescata all’interno di un appartamento in cui c’era una bombola di gas. Secondo quanto riferisce il Messaggero, gli investigatori non escludono la pista dolosa, dato che sul luogo, appiccicato ad una macchina, è stato rinvenuto un biglietto su cui è scritto: "Il Signore non vi farà godere la casa perché siete dei ladri". L’appartamento in cui è esplosa la bombola era disabitato a seguito di uno sfratto. 

La vittima è uomo sulla cinquantina, Pasquale Castaldo originario di Napoli, che al momento dell’esplosione si era rifugiato nel bagno della sua abitazione, un piano sopra l’appartamento saltato in aria. Scene di panico nel palazzo. «Si è sentito un boato fortissimo» racconta un soccorritore ai cronisti dell’agenzia di stampa. Danneggiate anche quattro auto parcheggiate in strada. «Per la paura due persone si sono lanciate dalla finestra» hanno raccontato testimoni. Diversi i feriti portati in ospedale. Il più grave, in codice rosso, ha vari traumi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.