Il nuovo questore: “Più uomini contro il terrorismo”

Ingrassia: "Ma bisogna chiarire che essere musulmani non significa essere terroristi"

"Il mio motto è breve, la polizia al servizio del cittadino". Attilio Ingrassia, 59 anni, è il nuovo questore di Varese. Arriva da Belluno, è di Palermo, ed è già al lavoro: "Sì, Palermo è stata la mia prima esperienza con la squadra mobile. Vi arrivai in un periodo triste, il 1985, quando vi furono gli omicidi Montana e Cassarà. Sono stato vicario a Como, dove ho imparato molto sotto l’aspetto investigativo con il questore Mazza". 
Il nuovo questore entra subito nel vivo del problema terrorismo: "Bisogna chiarire che essere musulmani non significa essere terroristi. Comunque e Malpensa sarà aumentata la sicurezza e potenzia l’intelligence. Con Expo si prevede un lieve ritocco dell’organico e una migliore razionalizzazione dei servizi".
Un altro fronte caldo è quello dei centri sociali: "Nessuno deve sentirsi escluso dal rispetto delle regole. Anche il bravo ragazzo, lo rimane finchè si comporta in questo modo". Infine, un accenno ai daspo: "A Belluno ne ho appena firmato 5 contro tifosi della Lazio,  dove c’è violenza e derisione di stampo razziale va perseguita". 

Galleria fotografica

Il questore Ingrassia 4 di 5
di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 gennaio 2015
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Il questore Ingrassia 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.