Il tribunale e l’anarchico: “Non è pericoloso, occupa per sensibilizzare”

Rigettata la richiesta di sorveglianza speciale che il questore aveva chiesto nei confronti di un 23enne protagonista di occupazioni di case e manifestazioni del centro sociale Telos

Il tribunale di Varese ha rigettato la proposta di sorveglianza speciale per un anno, con obbligo di dimora a Saronno, per il militante di 23 anni del centro sociale Telos: “Cello”, questo il suo soprannome, utilizzato dai militanti della centro sociale, era stato denunciato per due occupazioni, e segnalato in manifestazioni del gruppo e in altri episodi di occupazioni in Saronno. (nella foto, la manifestazione durante l’udienza del 26 gennaio)

Secondo il tribunale di Varese il giovane non è socialmente pericoloso: ha un lavoro e i procedimenti penali a suo carico, e nemmeno gli avvisi orali del questore, sono ancora sfociati in condanne. In un caso, un provvedimento a Como, non vi è la prova che sia stato l’organizzatore dell’assembramento non autorizzato. Vi sono poi due segnalazioni che si riferiscono, secondo il tribunale, ad “atti oggettivamente poco gravi”: in particolare si tratta di occupazioni e danneggiamenti, illeciti però commessi “con modalità poco lesive rispetto ai bene tutelati”. In genere case capannoni sfitti e abbandonati.

Il tribunale osserva anche che l’occupazione del 12 luglio 2012, quando alcuni militanti del Telos salirono sul tetto di una villetta di Saronno per manifestare contro l’emergenza casa, “sarebbe stata commessa per un motivo socialmente apprezzabile, ovvero quello di sensibilizzare le istituzioni sull’emergenza degli alloggi”. Una tesi che farà discutere e che, in sostanza, aveva sostenuto l’avvocato difensore del ragazzo, Eugenio Fuga. Inoltre “Cello” ha un lavoro e non frequenta circuiti di criminalità comune, così come la partecipazione alle manifestazioni di protesta non è mai sfociata in un accertamento di sue responsabilità personali nel provocare violenze o disordini.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.