L’Inps non ha ancora rinnovato l’accordo con i Caf per l’Isee

Cgil, Cisl, Uil e Acli denunciano i ritardi nel rinnovo della convenzione con i centri di assistenza fiscale. Un blocco che mette in difficoltà i cittadini

I Caf di Cgil, Cisl, Uil e Acli informano che, a tutt’oggi, non è stata ancora rinnovata la convenzione tra l’Inps e i centri di assistenza fiscale a cui i cittadini si rivolgono per l’elaborazione dell’ISEE 2015. 

Tale circostanza causa grosse difficoltà ai cittadini posto che circa il 90% delle richieste di certificazione Isee viene veicolata tramite i Caf. Un problema, questo, destinato ad acuirsi soprattutto ora che, a partire da quest’anno, l’indicatore della ricchezza economica equivalente (l’Isee appunto) è cambiato e che le modalità che lo regolano sono state rese più complesse.

Al momento, quindi, i Caf non possono fornire assistenza ai contribuenti e non possono neppure stipulare convenzioni con i comuni.

Lo stallo è evidente. Se i Caf sono bloccati, il cittadino non può ottenere la Dsu; senza la Dsu l’Inps non può elaborare il valore dell’Isee; senza l’Isee le famiglie non potranno accedere ai servizi agevolati. 

Tra i servizi a rischio ci sono l’iscrizione agli asili nido comunali, le agevolazioni per gli affitti, gli sconti sulle bollette delle utenze domestiche, le rateizzazione delle cartelle esattoriali e la definizione delle rette universitarie.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.