L’opposizione incalza la giunta Alberio: “Sulla scuola siete in ritardo”

I consiglieri di opposizione Lucchina e Mastrorilli chiedono di conoscere le ragioni della mancata presentazione del piano del diritto allo studio e del bando per la mensa alla scuola dell'infanzia

Dov’è finito l’impegno del Comune verso la scuola? Cosa accadrà alla mensa della scuola dell’infanzia? Il diritto allo studio e il bando per la cucina sono i temi di due interrogazioni che "Per Gavirate" ha presentato alla giunta Alberio. 

«È prassi consolidata da oltre 20 anni – scrive il consigliere Vittorio Mastrorilli – che l’Amministrazione Comunale provveda a redigere e presentare al Consiglio Comunale entro la fine del mese di Novembre un piano di sostegno e supporto allo studio che dettagli gli interventi, le attività e le disponibilità economiche messe a disposizione degli istituti scolastici presenti nel nostro Comune.
L’atto in questione non è un atto politico “opzionale” , ma uno strumento importante, necessario perché insegnanti e operatori scolastici abbiano conoscenza e certezza delle risorse disponibili sulle quali poter progettare le attività didattiche, integrative e non.
Con scelta irrituale l’Amministrazione non ha presentato nel termine consueto il piano in questione, con evidente nocumento alla pianificazione delle attività didattiche. Tutto ciò considerato vorremmo sapere dal Consigliere Delegato alla partita:
– Le motivazioni dettagliate di questa scelta
– Quali azioni sono state messe in atto nel frattempo e quali atti verranno intrapresi perché non si interrompa o non venga ulteriormente dilazionata la presentazione del piano in questione».

Rimanendo in tema, il capogruppo dell’opposizione Gianni Lucchina vuole sapere quando verrà presentato il bando per l’affidamento della mensa nella scuola dell’infanzia dopo che la cuoca è andata in pensione lo scorso 31 dicembre, ma anche per la sostituzione di due educatrici, vista la carenza di organico: « Nel corso della riunione dei Capi Gruppo del 30 ottobre ultimo scorso – si legge nell’interrogazione a firma Lucchina –  si decise, con parere unanime, di avviare un percorso di esternalizzazione del servizio mensa. Inoltre, sempre all’unanimità, si concordò che in presenza di ritardi nella conclusione della gara di appalto si sarebbe impegnata la ditta fornitrice dei pasti alla scuola primaria, la ditta Cavallin di Casale Litta. Anche in merito alla problematica delle figure professionali sostitutive delle educatrici sarebbe stata risolta entro gennaio. Tale decisione era anche stata esternata dal Sig. Sindaco nel corso del Consiglio Comunale del 10 novembre 2014 con la lettura integrale del verbale della Conferenza dei Capi Gruppo svoltasi il 30 ottobre 2014.

Lo scorso 26 novembre 2014 i genitori dei bambini della scuola P. Crosta, al tramite della Presidente dell’Assemblea dei genitori e della rappresentante della classe gialla, chiesero informazioni in merito alla situazione della scuola.

Considerato tutto ciò: avendo constatato che il bando così come delineato non è stato predisposto, per lo meno non ne ho trovato traccia nella documentazione pubblicata, non avendo avuto nessun riscontro o informazione in merito a modifiche dei tempi e delle modalità di risoluzione del problema mensa;
così come non ho avuto notizie di come si è o si intende dare soluzione all’inserimento nella pianta organica della scuola dell’infanzia di una figura professionale docente stabile;

chiedo se è stato predisposto il bando di gara per la copertura del servizio mensa così come delineato dalla conferenza dei capi gruppo, in caso non fosse stato emesso, le ragioni di tale decisione e come si intende dare soluzione a tale problematica; quali misure questa Amministrazione intende adottare per dare soluzione alla carenza di personale docente ».

Delle questioni è stata invitata a dare risposta la consigliera con delega all’istruzione Valentina Casacalenda che assicura: « Risponderò in consiglio». Ancora, però, non si conosce la data della prossima riunione del Consiglio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.