Marito e moglie uccisi: arrivano i Ris

Si tratta di due anziani, trovati cadaveri nella loro casa di via Delle Vigne, una laterale della Varesina all'altezza dell'Esselunga. Sul posto ci sono i carabinieri che hanno blindato la zona

Galleria fotografica

Pensionati trovati morti in casa 4 di 15

Sono stati uccisi nel proprio appartamento, ma chi sia stato e le circostanze sono ancora tutte da chiarire.Tanto che in queste ore sono al lavoro i carabineri del Ris di Parma sulla scena del delitto. 
Due coniugi, 
Martino Ferro, 78 anni e Graziella Campello, 76 anni, entrambi pensionati, sono stati trovati morti in una casa di Venegono Inferiore in via delle Vigne, una stradina laterale sulla Statale 233, all’altezza del supermercato Esselunga. Ancora da definire i contorni della vicenda: tutte le ipotesi sono aperte, ma quella più probabile è che siano stati uccisi. 

Le vittime sono sono state trovate senza vita dal figlio nel pomeriggio di martedì 27 gennaio, intorno alle 17.30. Stando a una prima ricostruzione dei fatti, il figlio della coppia si era recato a casa dei genitori, in quanto da diverse ore non rispondevano più alle sue telefonate. Essendo in possesso delle chiavi di casa, è entrato insieme a un vicino e ha trovato i corpi senza vita dei due anziani. Lei in camera da letto, lui in garage. 

Sul posto sono subito intervenuti la Polizia di Stato e i carabinieri della Tenenza di Tradate e della Compagnia di Saronno, guidati dal capitano Giuseppe Regina, per iniziare a effettuare i rilievi. Presente anche il magistrato Massimo Politi che si occuperà del caso. 
Sembra che la donna sia morta a causa di uno strangolamento, mentre l’uomo potrebbe essere deceduto in seguito a dei colpi alla testa. Sarà l’autopsia a confermare queste prime ipotesi mentre il figlio sarà sentito nelle prossime ore dagli inquirenti.
I rilievi da parte degli esperti delle forze dell’ordine sono andati avanti fino a sera tardi, quando sul posto sono giunti anche i Vigili del Fuoco per effettuare delle ricerche nel perimetro della casa

 

Non ci sono versioni ufficiali su quanto possa essere accaduto: investigatori e inquirenti tengono aperte tutte le ipotesi. L’appartamento della casa in via delle Vigne è stato posto sotto sequestro, mentre i corpi dei due anziani sono stati portati all’ospedale di Varese, dove verrà effettuata l’autopsia. È stata posta  sotto sequestro anche un’autovettura, una Ford Focus, forse di proprietà di un famigliare delle vittime. Mentre nella giornata di mercoledì potrebbero essere effettuati ulteriori rilievi nell’appartamento da parte dei Ris.

Martino e Graziella erano molto conosciuti in paese. Originari del Veneto, vivevano a Venegono da almeno 40 anni, dove lui ha lavorato come operaio per una ditta della zona. Frequentavano la parrocchia del paese e per tutti i vicini erano persone tranquille e senza problemi, con cui era piacevole parlare. Anche il sindaco Mattia Premazzi sottolinea che «quanto accaduto ci lascia senza parole. Erano due persone per bene e conosciute nell’ambito della parrocchia, attive e sensibili. Rimaniamo in attesa di sapere cosa è successo dopo le indagini delle forze dell’ordine».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 gennaio 2015
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Pensionati trovati morti in casa 4 di 15

Galleria fotografica

La casa dei pensionati trovati morti 4 di 9

Galleria fotografica

Venegono Inferiore, i carabinieri sul luogo del duplice omicidio 4 di 12

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.