Faberlab entra nella rete nazionale Cowo ed “esporta” il suo modello

Due appuntamenti, venerdì 16 allo SmartBean di Brebbia e sabato 24 gennaio a Bassano del Grappa, per parlare di imprese e digitalizzazione

Innovazioni tecnologiche destinate ad influenzare il mondo della piccola impresa: dalle stampanti 3D al coworking ai Fablab, dove strumenti e incontri aiutano gli imprenditori a prendere confidenza con la digitalizzazione. L’esperienza di Faberlab, l’officina digitale di Confartigianato Varese inaugurata nel 2014 a Tradate (in viale Europa 4/A), aveva già conquistato Udine e Cesena. E in questo mese di gennaio il tour prosegue con altri due appuntamenti: venerdì 16, dalle 20.30 alle 22.30, allo SmartBean Varese di Brebbia e il 24 gennaio al “100100 Challenge” organizzato da Confartigianato Imprese Vicenza a Bassano del Grappa per la conferenza di chiusura sull’innovazione digitale.

Faberlab entra nella rete Cowo
Da questo mese, Faberlab è entrato a far parte della rete nazionale coworking network Cowo® nata da un’idea di Laura Coppola e Massimo Carraro (Leggi l’articolo). Il concetto Cowo è stato riformulato nel 2009 in un programma di affiliazione destinato a chi volesse aprire un coworking nell’ambito dei propri uffici. La parola chiave è “community”: relazioni, coinvolgimento, diffusione di idee e pensieri.

Venerdì 16 gennaio: cosa vorreste farci con una stampante 3D?
Lo SmartBean di Brebbia è un coworking realizzato negli spazi della Ducale Music (Leggi l’articolo), fondato da Marco Matalon e Matteo Del Corno), ma non vuole essere solo uno spazio comune di lavoro. Aspira, piuttosto, a trasformarsi in centro di aggregazione. La collaborazione con Faberlab nasce da qui, perché l’officina digitale di Confartigianato, nella figura di Angelo Bongio, avrà il compito di dire tutto quello che si vorrebbe – o si dovrebbe – sapere sulla stampa 3D. D’altronde Faberlab Varese è stata la prima realtà sul territorio della provincia ad affrontare, secondo i principi della condivisione, del confronto e del fare, quella rivoluzione digitale che ha ormai contaminato non solo giovani smanettoni ma anche imprenditori, liberi professionisti, startupper, makers, studenti, cittadini.

Stampanti 3D e Faberschool
Le stampanti 3D sono lo strumento-simbolo della terza rivoluzione industriale e fanno ormai parte dell’economia di qualunque territorio. E’ per questo che Faberlab ha presentato nello scorso mese di dicembre un progetto completamente dedicato alle stampanti 3D e a quello che “ci si potrebbe fare”. E’ questo Faberschool: sette stampanti sono state consegnate a sette scuole della provincia di Varese – istituti tecnici, professionali, liceali – per avvicinare il mondo della scuola a quello dell’impresa (Leggi l’articolo). Con Comingtools (alla serata di venerdì 16 sarà presente anche uno dei fondatori, Lorenzo Migliarini) sono state fornite le macchine Sharebot e prossimamente saranno formati i docenti che poi trasferiranno queste prime conoscenze tecnologiche ai loro allievi. L’incontro allo SmartBean di Brebbia è dedicato a tutti coloro (utenti professionali e non) che vogliono capire il funzionamento basic e l’utilizzo applicativo di una stampante 3D.

Sabato 24 gennaio, a Bassano: imprese e digitalizzazione.
Questo è il percorso che Faberlab si è dato sin dall’inizio della sua attività: accompagnare le imprese, anche le più piccole, verso quella digitalizzazione che è ormai strumento quotidiano di lavoro. Il Faberlab di Varese sarà presentato come “una delle due officine digitali più interessanti d’Italia” (l’altra è il Mu.Se. Fablab di Trento). Ricordiamo che la crescita culturale delle imprese passa da una confidenza sempre maggiore con le nuove tecnologie e che per attuare questo cambiamento – adeguarsi ad un mondo economico nel quale flessibilità e qualità dovranno puntare ad una sempre maggiore eccellenza – è fondamentale conoscere, apprendere, arricchirsi di esperienze umane e professionali. Questo è l’obiettivo che persegue il Faberlab di Confartigianato Varese.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.