“In Contropiede”, le donne rileggono la costituzione

Snoq Varese organizza per il 28 gennaio un incontro presso la Sala Consiliare del Comune di Varese per discutere di Costituzione e di attuazione della carta fondamentale del nostro stato.

Snoq Varese è lieta di invitare tutti il 28 gennaio prossimo presso la Sala Consiliare del Comune di Varese per discutere di Costituzione e di attuazione della Costituzione. Spiega l’associazione:

"Leggeremo e commenteremo alcuni articoli della Costituzione che ci sono parsi particolarmente significativi Relatore sarà Giorgio Grasso, Professore Associato di Diritto Costituzionale presso l’Università degli Studi dell’Insubria. Durante la serata ricorderemo Mariella Gramaglia, animatrice e fondatrice di Snoq, scomparsa lo scorso ottobre dopo una lunga malattia, ideatrice dello spettacolo “In Contropiede, le donne rileggono la Costituzione”.

1° Gennaio 1948, entra in vigore la Costituzione della Repubblica Italiana. Quel giorno il nostro Paese è cambiato, così come le nostra vite. Ma fino a che non ci sarà la possibilità per ogni donna di conciliare liberamente la propria vita lavorativa con la maternità senza avere ripercussioni negative sulla propria crescita professionale, fino a che le ore di lavoro spese per la cura della casa e la cura dei propri figli non saranno equamente distribuite con i propri compagni e i propri mariti, fino a che le donne subiranno violenze fisiche e morali, fino a che alle donne sarà negato l’accesso a cariche politiche e posizioni di responsabilità per ragioni indipendenti dalle proprie competenze professionali, la nostra Repubblica non si potrà chiamare democratica perché una democrazia in cui non esiste questa uguaglianza di fatto è una democrazia puramente formale, non è una democrazia in cui tutti i cittadini possono concorrere alla vita della società e al suo continuo progresso.
Crediamo che la Costituzione, per essere realmente attuata, abbia bisogno dell’impegno di tutte e tutti, donne e uomini indistintamente.
E’ possibile, in contropiede, nelle discussioni attuali sulle riforme istituzionali, rileggere la Costituzione facendo attenzione a quei diritti che questo Paese non è stato in grado di tutelare?
Noi pensiamo sia necessario, perché è solo partendo dalle fondamenta che si ricostruisce davvero una casa nuova.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.