Il viaggio nell’arte di Ortelli a Malpensa

Grazie al progetto SEA e MA*GA per l’arte in mostra negli spazi delle Vip Lounge Club le opere dell’artista di Viggiù

L’arte non è, e non deve essere, cosa per pochi. Promuovere il bello e l’arte fuori dai luoghi convenzionali per un Museo può diventare quasi una missione, accogliere opere d’arte in spazi usualmente destinati ad altro per una realtà istituzionale può essere una vera e propria scommessa. Con la mostra dedicata a Gottardo Ortelli questa missione e questa scommessa trovano conferma grazie alla collaborazione tra il Museo MA*GA di Gallarate e SEA dell’aeroporto di Malpensa, uniti in un progetto comune volto alla promozione dell’arte.

Dopo la mostra dedicata a Vittore Frattini, un nuovo evento espositivo trasforma gli spazi delle Vip Lounge Club SEA in un luogo d’arte. Dal 30 gennaio al 2 novembre i viaggiatori potranno ammirare una selezione di opere di Gottardo Ortelli, che attraversano quattro decenni di storia dell’arte italiana, dagli anni sessanta fino ai primi del nuovo secolo, grazie anche alla collaborazione della famiglia e dell’Associazione Amici di Piero Chiara.

«Rivolgersi al territorio per un Museo è vitale – afferma Emma Zanella, direttrice del MA*GA – Comunicare con coloro che creano i rapporti sociali sul territorio è molto importante, per questo la collaborazione con un Ente come l’aeroporto permette di valorizzare un artista importante del territorio anche a livello internazionale. Le opere sono state scelte anche in base agli spazi in cui sono esposte».

Pittore e docente all’Accademia di Brera, Ortelli fu personalmente impegnato in innumerevoli iniziative non solo culturali, ma anche sociali e politiche, non ultimo, il suo incarico di Assessore alla Cultura presso la Città di Varese dal ’93 al ’97. Ortelli riesce a condensare in un linguaggio personale la tradizione astratta, il lirismo e la tragicità del colore espressionista, l’autonomia e la concretezza dello spazio cromatico informale, la tensione della ricerca di una relazione simbolica tra la dimensione pittorica e quella cosmica.

Come afferma Serafino Perego, Direttore Real Estate and Corporate Projects SEA «L’aeroporto non è solo un luogo di passaggio, atterraggi e decolli ma è anche crocevia  di emozioni legate all’esperienza del viaggio. Un luogo che accoglie sogni, speranze e ricordi di ogni viaggiatore. È proprio per la sua capacità di suscitare in ognuno di noi sentimenti così intensi e unici che l’aeroporto diventa anche lo spazio ideale per dare voce all’arte nelle sue molteplici forme di espressione».

 «La mostra dedicata a Gottardo Ortelli – sottolinea Giacomo Buonanno, Presidente MA*GA – si pone in una logica di continuità con quella di Vittore Frattini che l’ha preceduta: da un lato prosegue il dialogo con un pubblico che trascende i confini della città di Gallarate e dall’altro procede il percorso di rassegna e di analisi critica delle eccellenze artistiche che sono nate e si sono sviluppate intorno a questo territorio, certi che la combinazione di queste dimensioni rappresenti un ulteriore valore aggiunto del progetto SEA e MA*GA per l’arte».

 

SEA e MA*GA per l’arte
Gottardo Ortelli
Aeroporto di Malpensa, Vip Lounge
30 gennaio – 2 novembre 2015
Informazioni: tel. 02 23 23 23

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.