Patteggiano i due imprenditori della Gisowatt

I fratelli Sozzi sono accusati di ricettazione, corruzione e bancarotta fraudolenta nell'ambito della vasta indagine sulle estorsioni nella zona del Saronnese. Se la caveranno con 3 anni e 4 mesi Emanuele e 2 anni e 6 mesi Gianfranco

Hanno chiesto di patteggiare, Emanuele e Gianfranco Sozzi, i due imprenditori proprietari della Gisowatt di Gorla Minore finiti nella maxi-inchiesta della Procura di Busto Arsizio su estorsioni, droga, rapine, ricettazione, corruzione nell’area a cavallo tra le province di Varese e Como che ha coinvolto decine di personaggi del sottobosco criminale legato alla ‘ndrangheta e non solo. Emanuele Sozzi, reo confesso per tutti i reati contestatigli dal pubblico ministero Pasquale Addesso, che vanno dalla ricettazione alla corruzione di pubblici ufficiali e bancarotta fraudolenta la pena patteggiata è di 3 anni 4 mesi, per il fratello Gianfranco la pena pattuita è di 2 anni 6 mesi.  I due erano finiti in mano ad una banda di estorsori legati alla cosca Tripepi-De Marte prima come vittime e poi come complici in alcuni loro affari illeciti. I due, nel giro di poco tempo, hanno svuotato le casse dell’azienda di famiglia fino a farla fallire.

Il patteggiamento è stato richiesto anche da Adriano Pinna, uno degli agenti di polizia accusato di corruzione, Antonio Borghi e Giorgio Clerici, accusato di far parte del gruppo dedito alle estorsioni. Hanno chiesto il rito abbreviato Giuseppe La Regina e Roberto Tripepi (in subordine all’interrogatorio di Emanuele Sozzi) mentre per Angelo Paoliello (ancora latitante) l’avvocato Cramis si è riservato di chiedere l’abbreviato nella prossima udienza. 

Tutti gli altri, a partire da Francesco De Marte che a breve affronterà già un processo simile, andranno a dibattimento e affronteranno il processo. Nella prossima udienza il giudice Nicoletta Guerrero deciderà sull’ammissione agli abbreviati proposti. In quell’occasione prima verranno trattati i rinvii a giudizio, poi gli abbreviati e infine i patteggiamenti.

                        LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SUL CASO GISOWATT

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.