Presidente della Repubblica, le dichiarazioni dei grandi elettori varesini

Le dichiarazioni dei grandi elettori varesini chiamati a votare all'elezione del Capo dello Stato e che dovrebbe portare alla nomina di Sergio Mattarella

I commenti dei grandi elettori alla votazione per il presidente della Repubblica. Qui live blogging per seguire in diretta la votazione

Raffaele Cattaneo (NCD): È in corso la quarta votazione che sarà quella decisiva e porterà all’elezione di Sergio Mattarella. Unica incertezza il numero di voti, che potrebbe andare da 550 a 700. Io dico intorno a 630, o giù di lì. Sembrano molti oggi in aula quelli intenzionati a votarlo… La riunione del gruppo di Area Popolare (NCD+UDC) questa mattina alle 8.00 ha portato all’approvazione di un documento (1 solo astenuto, non 4 come dicono alcune agenzie) che sostiene la persona di Mattarella ma contesta il metodo scelto da Renzi. Certamente il Presidente del Consiglio non ha agito correttamente verso il proprio alleato di governo, trattato come se fosse una componente marginale, mentre senza i voti del gruppo NCD e UDC Renzi non potrebbe governare né fare le riforme, per le quali non ha il consenso di Vendola né della minoranze PD. L’appello di ieri ad un’ampia convergenza su Mattarella, non più presentato come il candidato solo del PDL e della Sinistra unita, è stato un passo nella direzione giusta, ma certamente non sufficiente.

Maria Chiara Gadda (PD): Oggi voto convintamente Sergio Mattarella. Voterò Mattarella perché la sua storia è un simbolo dell’impegno contro le mafie perché la legalità non è solo uno slogan, ma deve tradursi in atti e comportamenti veri e concreti, come Mattarella ha fatto nella sua vita. Voto Sergio Mattarella perché è un conoscitore, garante e difensore della Costituzione, capace di dare continuità al programma di riforme che il Parlamento ha avviato, con la Riforma Costituzionale, la Legge Elettorale e altri provvedimenti decisivi per il futuro del Paese. Sforzo per il quale Giorgio Napolitano, a cui l’Italia deve essere grata, aveva accettato di compiere un secondo mandato, con l’obiettivo preciso di sostenere l’avvio di una stagione di riforme profonde e decise. Voterò Sergio Mattarella perché abbiamo bisogno al Quirinale di una persona con ideali forti e autonomia di giudizio; che sia arbitro e non giocatore, che conosca le istituzioni e il loro funzionamento. Che abbia a cuore il destino del Paese e che sappia rappresentarlo al meglio nel mondo assieme ai valori più autentici e positivi che contraddistinguono l’Italia e gli italiani.

Stefano Candiani (Lega Nord): Mattarella, Presidente della Repubblica coi voti di Pd, Ncd e Forza Italia. Renzi ha vinto. Giovanardi e Formigoni osannano il ritorno della DC. Tutto deve cambiare, perché nulla cambi… Indietro nella Prima Repubblica.

Angelo Senaldi (Pd): Superfluo chiarire che il mio è stato uno dei 665 voti andati a Sergio Mattarella. Il risultato raggiunto è importante sia sotto il profilo istituzionale che sotto quello politico. Per il primo ambito si può serenamente affermare che la prima carica dello Stato sarà ricoperta da una figura di grande esperienza, da un conoscitore profondo delle istituzioni capace di essere garante affidabile per tutti. Il nuovo Presidente della Repubblica possiede qualità pari a quelle del suo predecessore e già questo non è poco. Sotto il profilo politico registro la fermezza del Partito Democratico, fermezza che ha permesso di allargare i consensi intorno al nome di Mattarella. Del resto nemmeno chi, negli ultimi giorni, si è lamentato per questioni di metodo ha potuto eccepire sull’alto profilo della scelta fatta da Renzi. Si è, insomma, scritta una bella pagina. E la pagina racconta che il Pd è stato trainante nel dare all’Italia un Presidente all’altezza, nel fare il bene del Paese.

Paolo Rossi (Pd): Niente applausi dal settore del M5S. Il solito encomiabile stile dei grillini.

Laura Bignami (M5S): Tutto questo caos mediatico per poi eleggere un vecchio democristiano!

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.