Pro Patria horror show. La Torres vince 4-0

I tigrotti subiscono una bruttissima sconfitta a Sassari subendo quattro gol nel secondo tempo e mettendo a nudo tutte le lacune

La Pro Patria perde 4-0 in casa della Torres al termine di una gara in cui i tigrotti hanno mostrato il loro lato peggiore. Dopo un primo tempo brutto, senza occasioni e con tanti errori, nella ripresa i sardi hanno messo a nudo tutti i difetti della Pro Patria, andando in rete quattro volte, due con Maiorino – la prima su rigore –, poi con Marinaro e infine grazie all’autorete di Guglielmotti. Una prova da bocciatura piena per tutti i biancoblu, ma su tutti "spicca" la prova disastrosa di Anderson, autore del fallo di mano che ha portato al vantaggio, di un liscio clamoroso sul raddoppio di Marinaro e bruciato senza appello in velocità da Maiorino in occasione del 3-0. Mister Tosi dovrà lavorare al massimo questa settimana per ricomporre i cocci di questa sconfitta, anche perché il prossimo avversario della Pro sarà il Pavia, che vede ad un passo il primo posto nel girone e sicuramente a Busto Arsizio non vorrà fare regali.

FISCHIO D’INIZIO – La Pro scende in campo al “Vanni Sanna” di Sassari per affrontare la Torres per la prima del girone di ritorno. Mister Marco Tosi non può contare sullo squalificato Andrea D’Errico, oltre agli indisponibili Botturi, febbricitante, e Calzi, non ancora tesserato. In compenso recupera capitan Serafini, che guida l’attacco supportato da Terrani e Candido. In panchina si rivede anche Alain Baclet, che rientra dopo il lungo infortunio. Ancora out Bovi e Lamorte per scelta tecnica.
Sulla panchina sarda esordio per mister Cristian Bucchi. Il neo tecnico si affida al 4-4-2 con Maiorino e Balistreri in attacco. Gara molto sentita per il supporto all’allenatore, doppio ex, Vincenzo Cosco, che ha momentaneamente abbandonato il calcio per curarsi da una brutta malattia.

IL PRIMO TEMPO – I primi 45’ di gara regalano ben poche emozioni, con le due squadre imprecise in fase di possesso palla – anche a causa del terreno di gioco decisamente gibboso – e i tanti falli fischiati per entrambe le formazioni. Eppure l’inizio gara non era stato male, con la Torres che ha impegnato Melillo già al 3’ con un tiro di Lisai messo in angolo dal portiere tigrotto. Il numero uno biancoblu è attento anche al 15’, quando Maiorino tenta la sorpresa battendo direttamente a rete un calcio di punizione dalla fascia sinistra, che Melillo respinge con i pugni. La gara non è certo da ricordare e il primo tentativo degno di nota per la Pro è una punizione dal limite di Candido che termina di poco alto sulla traversa al 46’.


LA RIPRESA –
Nell’intervallo mister Bucchi sostituisce Santaniello con Marinaro e la mossa porta i suoi frutti, anche se la prima azione da gol è per la Pro: Marchetti sbaglia il retropassaggio per Testa, Serafini si inserisce, ma il capitano non colpisce bene la palla e non riesce a mandare la palla in rete. La Torres sembra avere maggior dinamismo e all’8’ su calcio di punizione dalla destra, Anderson colpisce la palla di mano e l’arbitro indica il dischetto. Dagli undici metri Maiorino calcia centrale spiazzando Melillo e siglando il vantaggio sardo. La Pro tenta di reagire subito, ma due punizioni dal limite di Candido non hanno buon esito e al 16’ la Torres raddoppia: Marinaro è caparbio ad infilarsi nell’immobile difesa tigrotta, con Anderson che cilecca malamente il pallone, e a freddare Melillo con un preciso piatto sinistro. La Pro tenta in qualche modo di portarsi in avanti, ma Testa è pressoché disoccupato e i sassaresi colpiscono in contropiede: su un lancio lungo dalla difesa, Maiorino brucia Anderson in velocità e trafigge con un destro potente Melillo. Nel finale arriva anche la quarta segnatura per i padroni di casa, ma è Guglielmotti, che nel goffo tentativo di allontanare un traversone basso anticipa Melillo già in tuffo spedendo la palla in rete. Si chiude così con una pesante sconfitta per la Pro, apparsa questo pomeriggio nella sua versione più brutta.

LEGGI ANCHE:

IL TABELLINOIL LIVE


di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.