Sono in anticipo i primi saldi 2015

E' stata anticipata al 3 gennaio l'apertura dei saldi invernali in regione Lombardia. Le istruzioni per comprare meglio

Quest’anno i saldi cominciano presto: il via è previsto per sabato 3 gennaio, con una decisione della Regione motivata anche dalla crisi. Ma non ci sono molte illusioni tra i commercianti: la previsione di FederModaMilano è, per il capoluogo lombardo di un valore complessivo delle vendite di 435 milioni di euro, con un acquisto medio a persona di 165 euro e un calo di circa il 2% rispetto ai saldi invernali 2014.  Il consuntivo però, si potrà fare solo dopo il primo weekend di vendite: è quello l’unico vero termometro della disponibilità di spesa dei consumatori. 

Con la partenza dei saldi, Confcommercio ne approfitta per rilanciare l’operazione "Saldi chiari", in sintonia con le associazioni dei consumatori.
Qui i punti chiave per comprare consapevolmente.

Carte di credito. Durante i saldi l’operatore commerciale non può rifiutare il pagamento con carta di credito.
Cambi merce. Il dettagliante si impegna a sostituire, se possibile, o a rimborsare i capi acquistati che presentano gravi vizi occulti così come previsto dal Codice Civile ed in particolare dalle norme di recepimento della Direttiva 1999/44/CE. Nel caso di non corrispondenza della taglia, il capo verrà sostituito con prodotti disponibili all’atto della richiesta di sostituzione. Qualora non fosse possibile la sostituzione per mancanza di capi o per mancato gradimento da parte del cliente, l’operatore rilascerà un buono acquisto di pari importo del prezzo pagato relativo ai capi da sostituire. Buono che il cliente dovrà; spendere entro i successivi 120 giorni dall’emissione dello scontrino fiscale (che dev’essere presentato).
Prova prodotti. Il cliente ha diritto di provare i capi per verificarne la corrispondenza della taglia e il gradimento del prodotto. Sono esclusi dalla facoltà della prova i prodotti che rientrano nella categoria della biancheria intima e quei prodotti che, per consuetudine, non vengono normalmente provati.
Uniformità dei prezzi. Le catene di negozi che effettuano saldi si impegnano a porre in vendita gli stessi prodotti agli stessi prezzi. In caso di variazione del prezzo, la variazione viene praticata contemporaneamente in tutti i punti vendita della catena. Riparazioni. Se il costo per l’adattamento o la riparazione dei capi acquistati è a carico del cliente, l’operatore commerciale deve darne preventiva informazione al cliente stesso e deve inoltre esporre, in modo ben visibile, un cartello informativo sul quale si dichiara espress amente che le riparazioni sono a carico del cliente.
Contenzioso. Eventuali contenziosi fra consumatori e imprese che aderiscono a "Saldi Chiari" saranno esaminati e giudicati dallo sportello di conciliazione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.