Testimonia in favore di un amico ma è irregolare. Tunisino arrestato

L’uomo, già espulso dal nostro paese, si è offerto come testimone in una lite tra coniugi ma era rientrato in Italia irregolarmente

Poco dopo la mezzanotte di venerdì una pattuglia del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio è stata inviata in un appartamento dove era in corso un’accesa lite tra due coniugi tunisini.
Il marito, per meglio sostenere la propria versione dei fatti, ha chiamato al telefono un connazionale, indicandolo come un testimone che aveva assistito al litigio. Infatti poco l’uomo si è presentato a casa della coppia e, dopo aver reso la propria testimonianza agli agenti, è stato compiutamente generalizzato.
A quel punto i poliziotti hanno accertato che l’uomo, peraltro con numerosi precedenti, alcuni anni fa era stato espulso dall’Italia, imbarcato su una nave diretta in Tunisia dal porto di Genova e che quindi era rientrato nel nostro territorio prima che fossero trascorsi i 10 anni previsti dalla legge e senza autorizzazione.
Lo straniero è stato quindi arrestato per la violazione della normativa sull’immigrazione e ieri mattina condotto davanti al giudice di Busto Arsizio che lo ha condannato.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.