Ultima di andata, Varese ritrova Banks e Vitucci

La Openjobmetis in campo domenica 11 (ore 20,30) ad Avellino sul campo della Sidigas dei tre ex (c'è anche Bizzozi). Diawara: "Ripetiamo la partita di Brindisi". Diretta live su VareseNews

Si chiude ad Avellino (domenica, 20,30) la prima metà della stagione della Openjobmetis Varese, senza la possibilità che i biancorossi possano provare ad agguantare l’ultimo treno che porta alla Coppa Italia e senza cambiamenti in organico rispetto a settimana scorsa, quando la squadra di Pozzecco è stata battuta in casa da Pistoia tra i fischi dei propri tifosi. Non proprio il quadro che si sognava anche solo poche settimane fa, quando si pensava che la squadra del Poz – pur orfana dell’infortunato Kangur – pareva essersi messa alle spalle il momento difficile tanto da coltivare speranze di medio-alta classifica.

(Adrian Banks, grande ex in campo ad Avellino)

ADRIAN E GLI ALTRI – La Openjobmetis invece arriva al giro di boa con un record simile a quello ottenuto dodici mesi fa dalla squadra di Frates (sei vittorie nell’andata, al massimo possono essere pareggiate) e con la concreta possibilità di essere nuovamente ritoccata con uno o più interventi sul mercato durante le prossime due settimane senza partite ufficiali. Sotto accusa soprattutto i playmaker, e il loro passaporto (Robinson è americano, Deane viene considerato bulgaro per i regolamenti) sarà determinante per tagli e nuovi arrivi, con il capitano che è il principale candidato all’addio. Ad Avellino però saranno tutti al proprio posto, e la dirigenza confida anche in uno scatto d’orgoglio dopo la pessima prova offerta a un PalaWhirlpool quasi esaurito contro la Giorgio Tesi Group. Valutando però le due squadre sulla carta, gli irpini partono nettamente favoriti:
coach Vitucci ha riabbracciato (oltre a Stefano Bizzoziil grande ex Adrian Banks e ottenuto giocatori come il "re del rimbalzo" Anosike, l’ex Cantù ed Nba Gaines, il top scorer della squadra Harper e il forte ungherese Hanga, oltre a un drappello azzurro guidato da Daniele Cavaliero. Insomma, la Sidigas pare ben più attrezzata di una Varese che ha troppi alti e bassi in fase d’attacco e che nelle ultime uscite è parsa troppo prevedibile, con gli avversari che hanno piazzato un "gorilla" su Rautins (la guardia venerdì ha svolto parte dell’allenamento, il primo dopo la forte influenza che lo ha colpito a inizio settimana) e riempito l’area per evitare le giocate di Eyenga, Daniel e Diawara.

PARLA KUBA –  A parlare venerdì sera, è stato questa volta Yakhouba Diawara, per i quali gli ultimi giorni non sono stati semplici: parigino e musulmano, con un fratello che vive non lontano dal luogo del primo attentato, il francese è apparso piuttosto scosso dai fatti accaduti.
Per quanto riguarda il basket giocato, Diawara ammette la necessità che ha la squadra per risollevarsi: «Abbiamo perso tre partite di fila e ci troviamo in una situazione simile a quella che ha preceduto il match di Brindisi. Io credo che dobbiamo andare ad Avellino per giocare una gara come quella contro l’Enel e pur sapendo che per i nostri avversari un successo è necessario per qualificarsi alla Coppa, dobbiamo provare a vincere». L’ala nega che le voci su possibili variazioni di organico abbiano messo pressione (o apprensione) all’interno del gruppo: «Non è una cosa che ci ha destabilizzati: piuttosto, con Pistoia abbiamo commesso troppi errori sia nel terzo quarto, sia negli ultimi minuti. Non siamo certo più deboli di loro ma domenica è uscita una partita stupida: se al posto di giocare bene per tutti i 40′, ne giochiamo la metà, allora perdiamo. L’importante è tornare a lavorare di squadra e non per se stessi, e lo dico a partire da me. Rispetto a inizio stagione segno meno, un po’ perché ho perso qualcosa a livello di forma, un po’ perché vengo costantemente raddoppiato».
Riguardo agli avversari di turno, Kuba spiega: «Li abbiamo affrontati in precampionato; mi sono fatto l’idea di una squadra molto forte nel suo quintetto, più abbordabile invece quando scendono in campo i panchinari. Di sicuro dovremo contenere il loro impatto fisico, che può essere davvero pericoloso. Curiosamente, giocano spesso meglio in trasferta che in casa (anche se a Cremona, settimana scorsa, hanno perso ndr), un po’ come avviene per noi».

LA DIRETTA – Per seguire il match del PalaDelMauro ci sarà a disposizione la consueta diretta del nostro giornale. Il liveblogging è offerto dall’agenzia "Sensazione Viaggi Varese" e dalla catena "Da Moreno" ed è aperto ai vostri interventi: potete scrivere nello spazio commenti o usare l’hashtag #avellinovarese su Twitter e Instagram. La diretta è già aperta con notizie, curiosità, statistiche e con la possibilità di votare il sondaggio pre-partita: per collegarvi, CLICCATE QUI.

Sidigas Avellino – Openjobmetis Varese

Avellino: 1 Anosike, 2 Gaines, 5 Cadougan, 8 Hanga, 9 Banks, 10 Cavaliero, 13 Cortese, 14 Morgillo, 15 Trasolini, 19 Severini, 25 Lechthaler, 32 Harper. All. Vitucci.
Varese: 1 Rautins, 2 Daniel, 3 Vescovi, 4 Casella, 5 Robinson, 9 Diawara, 11 Okoye, 12 Deane, 13 Callahan, 18 Balanzoni, 31 Eyenga, 32 Pietrini. All. Pozzecco.
Arbitri: Taurino, Aronne, Quarta. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.