Una convention su Accam all’auditorium

Il sindaco Michele Cattaneo ha invitato tutti i membri delle commissioni consiliari dei comuni interessati dall'inceneritore: "Quando in ballo c'è la salute ed il destino dei cittadini non esistono i confini"


«Quando in ballo c’è la salute ed il destino dei cittadini non c’è parte politica che
tenga e soprattutto non esistono i confini di questo o quel comune» è questo il pensiero del
sindaco di Rescaldina, Michele Cattaneo, che si appresta ad ospitare, in una seduta
congiunta, le commissioni consiliari dei comuni interessati al destino di Accam.

L’idea nasce da alcuni sindaci dopo l’assemblea del 22 dicembre scorso quando tutti i
sindaci soci di Accam presenti hanno deciso di rimandare di almeno un mese ogni decisione
sul destino dell’impianto che ormai da 30 anni brucia i rifiuti dell’altomilanese, del castanese e
di parte dei comuni del varesotto.

Un’idea semplice, probabilmente mai tentata prima: riunire contemporaneamente e
nello stesso luogo tutte le commissioni consigliari dei comuni di area per ragionare insieme
su quale sarà il futuro dell’inceneritore di Borsano.
Il 20 gennaio alle 18.00 quindi, i comuni che avranno risposto all’appello di Cattaneo si
troveranno nell’auditorium rescaldinese per ascoltare i tecnici del gruppo di lavoro e
soprattutto per condividere pensieri e prospettive in modo da arrivare al momento della
decisione ad una scelta che sia il più possibile condivisa, nella piena coscienza che l’impatto
concreto delle loro decisioni sulle vite di migliaia di cittadini non sarà affatto trascurabile.
I cittadini interessati potranno partecipare alla seduta solo come semplici uditori e solo
fino al riempimento dei posti disponibili. Sarà comunque possibile seguire tutto l’incontro in
diretta streaming dal sito del comune di Rescaldina.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.