Varese a Lanciano: “A viso aperto ma senza sbagliare”

Bettinelli evita polemiche nonostante la neve abbia impedito la rifinitura a Masnago e presenta la gara di sabato 31 (ore 15). Due ballottaggi per l'ala sinistra e la punta che affiancherà Neto

Certe volte il Varese riesce a mettersi in difficoltà da solo, in questa stagione già complicata di suo. La squadra di Bettinelli, partita nel primo pomeriggio di oggi (venerdì 30) in direzione di Lanciano dove affronterà i padroni di casa nel terzo turno di ritorno, si è ritrovata al "Franco Ossola" di buon mattino ma senza poter effettuare la rifinitura prevista. Il campo principale di Masnago era infatti stato coperto con i teloni per la neve (che non sono stati rimossi), quello in sintetico invece non è stato spalato: morale, gli incolpevoli tecnici e giocatori hanno svolto qualche esercizio nella piccola palestra dello stadio e nulla più. 
Il mister, signorile, non ha creato alcuna polemica («Ci siamo adattati») ma è chiaro che queste circostanze non aiutano un gruppo che deve già fronteggiare i punti di penalità, gli infortuni, le voci di mercato e una classifica non semplice.

(Neto e Fiamozzi contro il Lanciano all’andata)


Bettinelli è conscio delle difficoltà, ma indica proprio nella positività la squadra da seguire. «Tenere alto il morale non è semplice, ma è il mio lavoro e il mio compito: se supereremo indenni questo momento, e non parlo del risultato sul campo ma della compattezza di gruppo e ambiente, sarò stato bravo. Altrimenti mi prenderò le colpe. Però piangersi addosso non serve; piuttosto dobbiamo restare concentrati per continuare a seguire il trend positivo iniziato, dal punto di vista delle prestazioni, a Pescara e proseguito nelle ultime partite. Abbiamo raccolto meno di quanto speravamo, ma se la strada resterà quella il risultato sarà la conseguenza».

SQUADRA IN EVOLUZIONE – Una costante delle partite di fine gennaio è il fatto che la rosa è in continuo mutamento a causa del mercato. Bettinelli non ha convocato Tamas e Petkovic, per i quali la risoluzione del contratto è imminente (il centravanti è andato alla Reggiana via Catania): «Auguro a entrambe un futuro roseo perché sono professionisti seri e preparati. Purtroppo per loro non hanno trovato spazio, perché sono arrivati in un momento in cui non erano ancora pronti per le necessità di una squadra come questo Varese, ma hanno caratteristiche tecniche e personali che li aiuteranno nella loro carriera». A proposito di mercato, Bettinelli non potrà ancora contare sul portiere australiano Birighitti, per il quale si sta completando la burocrazia («Un ragazzo intelligente e solare, con un bell’atteggiamento» spiega il mister) mentre l‘ala Jakimovski potrebbe anche conquistare un posto da titolare. Due infatti i dubbi sulla formazione: l’ala sinistra (con il macedone c’è in ballottaggio Falcone, ex di turno) e la punta che affiancherà Neto, visto che Lupoli è tornato a disposizione e contende la maglia a Miracoli. A destra invece dovrebbe essere confermato Zecchin nonostante i problemi a una caviglia che continuano a infastidirlo, e che sono stati anche il motivo per la sostituzione anticipata contro il Carpi quando l’ala avrebbe voluto uscire anche prima.

(Neto abbraccia Magnus Troest, uno degli ex della partita)

LANCIANO D’ALTA QUOTA – Intanto, a distanza, gli allenatori di Varese e Lanciano si fanno i complimenti incrociati. «Conosco e stimo D’Aversa, un tecnico emergente che fa giocare molto bene le sue squadre – spiega Bettinelli – come dimostra la classifica: sono in piena zona playoff e credo sperino sempre di agguantare il secondo posto. Dovremo limitare al massimo gli errori perché gli abruzzesi hanno gli uomini adatti a sfruttare ogni sbaglio avversario. La Virtus gioca con un 4-3-3 lineare che, a mio avviso, è un modulo contro il quale il nostro schieramento può muoversi bene. Anche a Lanciano faremo il nostro calcio senza rintanarci: è un atteggiamento che io considero vincente, al di là del risultato».
Sul fronte rossonero D’Aversa ha avvisato i suoi: «Il Varese ha raccolto meno del dovuto con Spezia e Carpi; ha un allenatore molto bravo nel preparare le partite e può metterci in difficoltà sfruttando le ripartenze. Per questo non dovremo avere fretta». Anche in casa Lanciano la formazione è praticamente fatta: in attacco ci sarà un ballottaggio tra Thiam e Piccolo mentre i due giocatori più in forma sono Monachello e l’ex Paolino Grossi.

LA DIRETTA – Il match dello stadio "Biondi" sarà raccontato in diretta su VareseNews con un liveblog aperto da venerdì pomeriggio. Per partecipare è possibile scrivere nello spazio commenti o utilizzare su Twitter e Instagram l’hashtag #lancianovarese. Per collegarsi direttamente alla diretta CLICCATE QUI.

Lanciano – Varese (probabili formazioni)

Lanciano (4-3-3): Nicolas; Aquilanti, Troest, Ferrario, Mammarella; Grossi, Di Cecco, Agazzi; Monachello, Gatto, Thiam (Piccolo). All. D’Aversa.
Varese (4-4-2): Perucchini; Fiamozzi, Borghese, Simic, Luoni; Zecchin, Corti, Capezzi, Jakimovski (Falcone); Neto Pereira, Miracoli (Lupoli). All. Bettinelli.
Arbitro: Roca di Foggia (Cangiano e Pentangelo; IV° uomo Formato).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.