Accam, salta l’incontro in Regione ed è scontro con la Provincia

L'assessore all'ambiente Terzi e Luca Marsico duri nei confronti del presidente della Provincia Gunnar Vincenzi che ha dato forfait per altri impegni: "Chiediamo alla Provincia più attenzione al tema". Mariani: "Eravamo pronti a discutere"

L’incontro istituzionale fissato per oggi tra Regione Lombardia e Provincia di Varese per discutere del futuro del termovalorizzatore Accam di Busto Arsizio nel Varesotto è saltato all’ultimo momento. Gli attori istituzionali coinvolti avrebbero dovuto discutere sia del futuro dell’impianto di incenerimento che delle convenzioni in essere tra Regione, Provincia e Città di Busto Arsizio. In una nota Regione Lombardia attribuisce il nulla di fatto «all’assenza del presidente della Provincia Gunnar Vincenzi che in mattinata si è detto indisponibile a partecipare». La riunione, fanno invece sapere dalla Provincia, era fissata per le 14 e prevedeva la presenza di Vincenzi, Mariani e del funzionario che si sta occupando della questione ma a causa di altri impegni istituzionali che sono sopraggiunti il presidente non ha potuto prendere parte all’incontro, seppur preparato da tempo, delegando una memoria al consigliere Mariani. 

               LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SUL FUTURO DELL’INCENERITORE

Ma questa assenza non è stata affatto digerita dal presidente della commissione ambiente Luca Marsico che attacca Vincenzi: «L’assenza dell’ultima ora del Presidente della Provincia di Varese, nonostante l’appuntamento fosse stato calibrato sulle sue esigenze d’agenda,  all’incontro previsto questo pomeriggio a Palazzo Pirelli con l’assessore regionale all’Ambiente Claudia Terzi e con il sindaco di Busto Arsizio Gigi Farioli è molto grave e va nella direzione opposta rispetto a quella del dialogo e del confronto territoriale su un tema sensibile». Da qui la decisione di Marsico, in accordo con l’assessore Terzi, di annullare l’incontro con il consigliere provinciale Valerio Mariani (delegato ai trasporti, ecologia e energia, ndr) nonostante si fosse detto disponibile a partecipare insieme al funzionario e che replica così: «Eravamo pronti a questo incontro ed avevamo la delega da parte del presidente che ci ha anche consegnato una sua memoria da illustrare – spiega il consigliere provinciale che conosce bene la vicenda dell’inceneritore – la decisione di annullare l’appuntamento non dipende certamente dalla Provincia».

Anche l’assessore Terzi non risparmia critiche al presidente della Provincia: «Mentre famiglie e cittadini di Varese e provincia si interrogano su cosa ne sarà del termovalorizzatore Accam, chiedendo anche alla politica trasparenza e responsabilità, spiace dover prendere atto dell’assenza della provincia di Varese e del suo presidente. Trovo l’assenza all’incontro di oggi ingiustificata. Un atteggiamento – prosegue l’assessore Terzi – che non aiuta. Anzi, peggiora una situazione già delicata. La Regione sta dimostrando di esserci così come il Comune. Mi auguro che la Provincia inizi a fare la sua parte seriamente. L’ambiente non ha colore politico e serve l’impegno di tutti, nessuno eslcuso».   «Auspichiamo per il futuro – chiosano Terzi e Marsico – una maggiore attenzione sulle questioni che riguardano da vicino i cittadini in materia di ambiente e salute».

                                   La replica del presidente della Provincia

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 febbraio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore