Addesso passa a Como, se ne va il pm che ha svelato gli intrecci tra imprenditori e malaffare

Il magistrato salernitano lascia la Procura di Busto dopo quasi 4 anni in cui ha portato a termine diverse indagini importanti che si sono concluse con condanne importanti tra le quali quelle alla 'ndrangheta del saronnese

Se ne va anche Pasquale Addesso, passato alla Procura di Como, e gli uffici di largo Giardino perdono un altro magistrato dopo Mirko Monti passato qualche settimana fa a Fermo. A breve se ne andrà un altro collega esperto come Raffaella Zappatini (sarà giudice per le indagini preliminari a Verbania) e al loro posto arriveranno un magistrato di nomina e due uditori.

Pasquale Addesso, arrivato nell’aprile del 2011, ha già preso servizio alla procura comasca dopo aver chiuso a Busto Arsizio importanti indagini che hanno portato alla condanna di imprenditori e personaggi legati alle cosche della ‘ndrangheta. Tra questi ricordiamo l’imprenditore bustocco Matteo Castiglioni condannato a 4 anni per evasione fiscale e riciclaggio, i fratelli Gianfranco ed Emanuele Sozzi che hanno patteggiato per corruzione di pubblico ufficiale e bancarotta fraudolenta ma anche esponenti della cosca De Marte Tripepi, arrestati e condannati dopo le indagini San Marco e Gisowatt e anche il patron sampdoriano Massimo Ferrero, condannato per la bancarotta della compagnia aerea Livingston. Prima di lasciare il suo ufficio bustocco il magistrato salernitano ha chiuso l’indagine relativa alla frode fiscale dell’imprenditore-console Fabrizio Iseni e alla corruzione internazionale nei confronti di tre imprenditori della zona che con avrebbero versato allo stesso Iseni somme cospicue per presunte consulenze. L’ultimo atto del sostituto procuratore è il deposito dell’appello del processo Finmeccanica, conclusosi in primo grado con l’assoluzione dall’accusa principale nei confronti di Giuseppe Orsi e Bruno Spagnolini.
A Busto, come accade ciclicamente da decenni, inizia un nuovo corso.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 febbraio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.