Bettinelli: “Adesso servono i risultati”

Dopo la sconfitta per 1-2 nel derby-salvezza, così Miracoli: "Io vivo per il gol", Culina: "Tutto si sistemerà". Calori "La vittoria è un'iniezione di fiducia"

Non basta il buon pubblico richiamato a Masnago dalla promozione dei biglietti a un euro a salvare il Varese nel derby delle zone calde contro il Brescia; anzi, è proprio tra i cori poco entusiasti della curva che i biancorossi escono dal campo, sconfitti ingiustamente 1-2 dalle rondinelle.

Inutile negarlo, la situazione è sempre più critica: "Avevamo preparato la partita per vincere – ha detto Stefano Bettinelli in conferenza stampa – e nel complesso abbiamo giocato una buona gara, aumentando d’intensità e aggressività nel secondo tempo. Ma adesso servono i risultati. Un pareggio sarebbe stato giusto, ma oggi tra infortuni in corsa, falli non visti, la seconda rete del Brescia che è arrivata nel nostro momento migliore e il gol di Forte annullato siamo stati penalizzati. Sono stato espulso proprio per questo; mi sono rivolto all’arbitro dicendogli che non aveva visto un fallo netto".
Sembra invece già sicuro che prima di rivedere in campo Neto, uscito prima della fine del primo tempo regolamentare per uno stiramento, passeranno circa 4 settimane, ma il mister biancorosso non si dispera. "Farò giocare chi ho a disposizione; in attacco stiamo recuperando Miracoli, non si può pretendere che Luca cambi le partite dopo 40 giorni che è stato fuori, bisogna dargli un po’ di tempo". Ma di tempo per piangersi addosso adesso non ce n’è: "Da domani penseremo già al Cittadella, andremo a riscattarci giocando con determinazione".

Piena soddisfazione invece per Alessandro Calori sulla prestazione del suo Brescia: "Nel primo tempo abbiamo preso un po’ le misure, e in effetti non siamo stati brillantissimi nonostante il vantaggio che abbiamo trovato subito. Nel secondo tempo siamo stati bravi prima a soffrire e poi a sfruttare le due occasioni finali che ci sono capitate. Dobbiamo comunque continuare a lavorare a testa bassa, anche se questi tre punti sono un’iniezione di fiducia da non sottovalutare per il prosieguo del campionato".

Rientro non positivo per Luca Miracoli dopo un mese di assenza per l’operazione di appendicite: "Volevamo vincere a tutti i costi e si è visto, ma non siamo stati fortunati. Anche io ho avuto un’occasione che ho fallito e che con il senno di poi avrei potuto gestire meglio. Devo recuperare ancora la massima brillantezza ma comunque non ho fatto fatica, anche con Forte affianco con il quale non ho mai giocato. Ma adesso dobbiamo pensare solo al Cittadella; il bello del calcio è che ti puoi rifare subito dalle sconfitte". Con Neto infortunato e la carenza di attaccanti, sulle spalle di Miracoli il peso è doppio: "Io vivo per il gol, e farò di tutto per aiutare la squadra".

Esordio biancorosso amaro invece per Antonini Culina: "Penso di aver giocato bene, anche se non sono ancora nella mia migliore condizione, ma avrei preferito se avessimo vinto. Sicuramente il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto. Mi trovo molto bene con tutti i ragazzi e sono fiducioso che tutto si sistemerà; adesso dobbiamo pensare solo alle prossime gare senza remuginare su quelle passate."

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 febbraio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.