“Caro sindaco, deve impedire la realizzazione della Varesina Bis”

Il comitato da tempo attivo contro la realizzazione della strada scrive agli amministratori del paese, da cui dovrebbe partire il cantiere: "Non presenta alcun vantaggio sotto il profilo della viabilità"

Il Comitato NO Varesina Bis, da tempo attivo contro la realizzazione della strada scrive al sindaco Lorenzo Guzzetti e a tutti gli amministratori comunali di Uboldo, il paese da cui dovrebbe partire il cantiere dell’arteria stradale, opera accessoria di Pedemontana e che dovrebbe terminare a Tradate. Di seguito il testo integrale della lettera: 

Egregi Amministratori,

sentiamo la necessità, quali cittadini ed utenti riuniti nello scrivente comitato, di portare alla Vostra attenzione l’urgenza di attivarsi per impedire la realizzazione dell’opera in oggetto, con l’unico ed esclusivo fine di evitare inutili dispendi delle già esigue risorse pubbliche e la deturpazione delle aree e del patrimonio naturale che ci appartengono.
In tal senso riteniamo opportuno chiedere il Vostro supporto per far emergere le incongruenze e l’inopportunità di tale progetto, nato diversi anni orsono quale costola del più corposo e già invasivo progetto noto come “Pedemontana”.
In effetti, per la conformazione e per la destinazione d’uso, l’arteria in progetto non presenta alcun vantaggio sotto il profilo della viabilità e della riduzione conseguente del traffico e dell’inquinamento. In tal senso le indagini svolte in autonomia dal comitato, hanno portato ad accertare che il tempo di percorrenza della strada in progetto sarebbe analogo se non superiore in ogni ora della giornata a quello dell’attuale strada varesina se solo sulla medesima gli incroci regolati da semaforo, con costi non paragonabili, venissero sostituiti con delle rotatorie.
 
Per converso, a fronte dell’inutilità manifesta, l’opera medesima ha un impatto ambientale di sicuro e grande sacrificio per le nostre zone, che si vedrebbero mutilate importanti aree boschive attualmente dimora anche di diverse specie faunistiche.
Posto che la realizzazione dell’opera risulterebbe di pregiudizio irreversibile alle aree interessate, con la presente siamo a perorare l’intervento dei destinatari in indirizzo, ciascuno in ragione delle rispettive cariche, affinché l’argomento sia sottoposto alla discussione del Consiglio Comunale, al fine di rivalutare la realizzazione di quanto in oggetto, dando ingresso alle aspettative e alle richieste dei cittadini dei comuni interessati rappresentati anche dallo scrivente comitato.
Siamo comunque disponibili per fornirvi documenti di approfondimento e supporto tecnico nell’intraprendere qualsiasi tipo di iniziativa riteniate opportuna.
Vi saremo grati in ogni caso, se vorrete singolarmente darci riscontro alla presente.
Cordiali saluti,
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 febbraio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.