Cominciati i “giorni della scienza” al liceo Grassi

Tradizionale appuntamento alla scuola superiore cittadina con i ragazzi che organizzano anche serate pubbliche dedicate alla scienza. Il programma degli incontri

Lunedì scorso sono iniziati al Liceo Scientifico G.B. Grassi "I giorni della scienza", prosecuzione del cammino iniziato lo scorso anno con la "SCIENZA APPETITOSA". Quest’anno la riflessione continua sul mondo del cibo e dei suoi dintorni: conferenze, esperienze laboratoriali, spettacoli teatrali e ricostruzioni storiche in un caleidoscopio pluridisciplinare che verrà proposto agli studenti del GiBì durante la mattinata e a tutta la popolazione del saronnese interessata in alcune serate a lei dedicate.
Studenti, docenti del liceo, specialisti esterni interverranno per approfondire, riflettere e, anche sorridere, sul complesso mondo del cibo in attesa di EXPO 2015.
Ecco il calendario degli incontri serali aperti al pubblico: 

Mercoledì 4 Febbraio
LE BUGIE NEL CARRELLO
Incontro per il pubblico, ore 20,30. Miti e leggende su ciò che mangiamo" a cura del prof. Bressanini, Dipartimento di Scienze chimiche e ambientali, Università dell’Insubria.Il pesto è cancerogeno! Lo zucchero bianco: per carità! Meglio quello di canna. Il glutammato fa malissimo… E il pane? Ah no, io compro solo pane biologico di Kamut a km 0. Ma cos’è esattamente il Kamut? E le patate al selenio fanno bene alla salute? La mortadella 100% naturale esiste davvero? Vale la pena spendere dei soldi in più dei prodotti concorrenti? Quanta apprensione intorno alla nostra tavola. E quante bugie. Ma a chi dobbiamo credere? Meglio verificare quanto tv, web, giornali, radio ci propinano ogni giorno facendo una visita tra gli scaffali di un supermercato immagi- nario per capire cosa raccontano, e cosa nascondono, le etichette dei prodotti che acquistiamo. Scopriremo, tra l’altro, che l’equazione "naturale = buono" è uno dei pregiudizi più radicati e più usati dalla pubblicità, che un prodotto che l’etichetta descrive come a "chimica zero" i conservanti li contiene, che il prezzo di una bottiglia di vino ne influenza l’apprezzamento e che il tonno più buono non si taglia con un grissino.
 
Venerdì 6 Febbraio
I ROMANI A TAVOLA
Incontro per il pubblico, ore 20,30, a cura delle prof.sse Bruschi e Demasi.
Come e cosa mangiavano i Romani? Quali alimenti erano da loro considerati più nutrienti e salutari? A queste domande rispondono alcuni alunni delle classi 2 C e 2 D, coordinati dalle prof. sse Bruschi e Demasi, presentando le abitudini alimentari degli antichi Romani anche attraverso testi d’autore in lingua latina.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 febbraio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.