Comune ed Equitalia “rottamano” le vecchie multe

Verranno inviate a casa 160 mila comunicazioni per saldare le multe datate fino al 31 dicembre 2004 pagando solo il minimo della sanzione più le spese di notifica, con un sensibile risparmio

A partire dall’ultima settimana di febbraio Equitalia, per conto del Comune di Milano, invierà circa 160mila comunicazioni per offrire la possibilità di chiudere, con un pagamento agevolato, i debiti per le multe elevate fino al 31 dicembre 2004, già iscritte a ruolo e mai pagate. Questa “rottamazione” delle vecchie sanzioni per violazione al Codice della Strada completa il passaggio deciso da Palazzo Marino che dallo scorso ottobre esercita in forma diretta la riscossione volontaria e coattiva delle proprie entrate. E con questa iniziativa l’Amministrazione intende alleggerire sensibilmente i vecchi carichi. Per i cittadini l’effetto dell’adesione alla “rottamazione” sarà quello di far tornare indietro l’orologio ai tempi del verbale.

Per chiudere questi debiti con Equitalia, infatti, i cittadini dovrebbero pagare ben più della sanzione iniziale. A quella cifra si son o sommate negli anni le maggiorazioni per il tardivo pagamento che scattano dopo i primi 60 giorni, quella successiva pari al 10% per ogni ulteriore semestre di ritardo, oltre all’aggio, ossia la percentuale a carico del debitore destinata all’Agente di riscossione. Per fare un esempio pratico, in caso di sanzione per divieto di sosta elevata nel 2004, dagli euro 44,60 iniziali (33,60 oltre ad 11 euro per spese di accertamento e notifica) oggi il debito con Equitalia per quella multa assommerebbe a 167,87 euro. Accogliendo l’invito alla “rottamazione” si potrà chiudere la propria posizione debitoria con un sensibile risparmio: saldando cioè il minimo della sanzione, le spese di notifica e l’aggio, ridotto al 4%. In sostanza pagando 47,22 euro. La scadenza per aderire alla “rottamazione” delle vecchie multe è stata fissata al 30 aprile 2015.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 febbraio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.