Contratti di solidarietà alla BTicino per salvare 75 posti di lavoro

Dopo l'accordo tra sindacati e azienda, l'assemblea dei lavoratori ha votato a maggioranza la riduzione dell'orario di lavoro

Nel cuore della BTicino (inserita in galleria)

Per il secondo anno consecutivo alla Bticino saranno stipulati contratti di solidarietà , grazie ai quali si eviteranno 75 licenziamenti. I sindacati dei metalmeccanici, Fim Cisl e Fiom Cgil, dopo aver raggiunto l’accordo con l’azienda, lo hanno sottoposto all’assemblea dei lavoratori che ha così votato: 650 «Sì», un solo «No» e 10 astenuti.

Lavorare meno e lavorare tutti, è questo in sintesi l’effetto della sottoscrizione dei contratti di solidarietà, come risposta alla consistente  flessione dei volumi di lavoro. A fronte di una riduzione di orario,  al lavoratore spetta un’integrazione pari al 60% della retribuzione persa. Quindi tutti i 1.050 dipendenti dello stabilimento varesino accetteranno una riduzione delle ore di lavoro, per evitare il licenziamento dei colleghi dichiarati dall’azienda in esubero, a causa del calo di produzione.

I contratti di solidarietà, generalmente poco utilizzati in provincia di Varese, possono  avere una durata massima di 24 mesi prorogabili per altri 24. Nel caso della BTicino avranno una durata di 12 mesi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 febbraio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.