Funicolare riaperta ma per il Pd è meglio chiuderla

la presa di posizione del capogruppo Fabrizio Mirabelli, dopo la decisione di riaprire la struttura

La funicolare riparte ma il pd contesta la scelta della giunta. La struttura ha infatti notoriamente un profondo rosso fin dal 2000, quando ha riaperto con la Giunta Fumagalli. I numeri indicherebbero circa 2,5 milioni di euro di perdite, a fronte di poche giornate di apertura e di un numero sempre minore di passeggeri trasportati. Il consigliere comunale del Pd Fabrizio Mirabelli osserva: “Negli anni scorsi, a causa di questi risultati oggettivamente imbarazzanti avevamo chiesto alla Giunta Fontana, visto che la legge regionale n.6/2012 in materia di trasporto pubblico locale affidava alle nascenti agenzie dei trasporti la rimodulazione dei servizi, se intendesse rimediare a questo clamoroso fallimento, cercando di riproporre la tematica dell’impianto a fune a livello regionale oppure se ritenesse più opportuno rinunciarvi definitivamente”.

“Il tema molto concreto – sottolinea Mirabelli, era, infatti, se, in futuro, la funicolare di Varese, trattandosi di una iniziativa di sviluppo turistico, avrebbe potuto avere la speranza di accedere ai finanziamenti regionali, perché, il nostro impianto, a differenza, ad esempio, della funicolare di Brunate a Como, non ha mai potuto percepire i fondi per il trasporto pubblico locale. Nella consapevolezza, peraltro, che anche se l’Amministrazione Fontana fosse riuscita ad inserirla nel trasporto pubblico locale, sarebbe stata costretta a tenerla aperta tutti i giorni, senza avere la garanzia che i conti potessero mai migliorare.“

“Ci spiace – conclude Mirabelli – che, anche quest’anno, l’Amministrazione Fontana abbia scelto di riattivare la funicolare senza alcun calcolo dei costi e dei benefici. Ci rammarica, in particolare, che, neanche questa volta, sia stata in grado di affrontare le problematiche dell’impianto in un generale piano di riassetto dell’accessibilità del Sacro Monte. C’è solo da augurarsi che i flussi turistici legati ad Expo 2015, questa volta, compiano almeno il miracolo di limitare il nuovo bagno di sangue che si prospetta.”

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 febbraio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.