Furti di rame all’ex-Enel, il Pd torna all’attacco sulla sicurezza

Una nuova nota del segretario cittadino che torna a chiedere misure all'amministrazione comunale contro questi episodi di criminalità


«Nelle notti scorse si sono verificate le ennesime scorribande a danni dei nostri concittadini e che ha portato al furto di rame alla cabina elettrica di Via Per Marnate, la quale era stata appena riparata, nei pressi dell’ex Centrale Enel. Per i residenti di quel quartiere purtroppo non è la prima sgradita sorpresa poiché settimana scorsa ignoti sono penetrati nelle proprietà e hanno asportato tutti i pluviali di rame dei garage».

Alberto Dell’Acqua, segretario cittadino del Partito Democratico, non perde l’occasione per denunciare la mancanza di sicurezza in città e, in particolar modo, il disinteresse dell’amministrazione nei confronti dell’area ex-Enel, meta di predoni notturni che hanno distrutto una cambia elettrica per asportare il metallo: «E’ una situazione, quella della ex Centrale, già più volte segnalata in passato dal Partito Democratico, senza avere risposte o risultati concreti da coloro che governano questa città e che va a sommarsi all’ondata di furti che ha colpito non solo le case dei privati cittadini, sia di Castellanza che di Olgiate Olona, ma anche i luoghi pubblici, come il nostro cimitero». Già nei giorni scorsi, infatti, i democratici avevano lanciato un allarme sicurezza a causa dei numerosi furti che si sono registrati di recente.

«Arrivati a questo punto ci chiediamo per quanto ancora questa Amministrazione continuerà ad ignorare il problema sicurezza, poiché negarne l’esistenza o minimizzarlo come ha fatto pubblicamente l’Assessore alla sicurezza Ferruccio Ferro è un insulto all’intelligenza della cittadinanza intera» – prosegue Dell’Acqua che aggiunge: «Come già ripetuto molteplici volte, se le decisioni dipendessero da noi non avremmo il minimo dubbio su cosa fare per migliorare una situazione che viene bistrattata proprio da quel centro destra che è giustizialista solo sulla carta. Il Partito Democratico di Castellanza pretenderà per la tutela dei concittadini castellanzesi il dispiegamento di ogni mezzo possibile per garantire proprio quella tutela della quale l’Amministrazione di centro destra si fa beffe con la sua inerzia e il suo menefreghismo. Pretenderemo inoltre un massiccio e definitivo intervento se possibile coordinato da più forze dell’ordine».

Il Pd, inoltre, torna a chiedere l’intervento dell’amministrazione nei confronti della proprietà dell’ex Centrale Enel per porre rimedio all’annosa questione: «È inutile continuare a sgomberare l’area più e più volte ogni anno se poi non si prendono le dovute precauzioni, per esempio murando gli ingressi agli stabili dell’ex Centrale in modo che gli abusivi non rientrino più nell’area dismessa. La sicurezza e l’incolumità dei cittadini di Castellanza e delle loro abitazioni è, ogni giorno che passa, sempre più in pericolo. Anche dal punto di vista igienico-sanitario, essendo l’area a rischio per mancanza di acqua a e servizi igienici sebbene l’area sa abitata da diversi gruppi di persone».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 febbraio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da LorenzoL

    Lo sciacallaggio di questi piddini è a livelli mostruosi. Pochi anni fa la giunta propose il recupero dell’ex centrale come albergo e centro congressi e chi strepitò per bloccare il progetto (non sia mai che la giunta, il NEMICO, faccia qualcosa di buono!) fu il cosiddetto PD, i cui membri nel loro delirio giunsero a definire “opinabile” il valore storico-architettonico dell’edificio della centrale, un gioiello di architettura industriale del 1904.

  2. Scritto da LorenzoL

    La verità è che distruggerebbero la loro stessa città, piuttosto che permettere ai loro nemici politici di vantare un successo.
    E adesso vengono LORO a lamentarsi, per una situazione che, non fosse per loro, sarebbe già risolta da anni.