Montanari: “I ragazzi hanno dato tutto”

Abbastanza soddisfatto il nuovo tecnico della Pro Patria, che però ammette: "C'è ancora tanto da sistemare". L'ex Polverini: "Spero si salvi e nel futuro spero un giorno di tornare a Busto Arsizio"

La Pro Patria ha pareggiato 1-1 contro il Real Vicenza, conquistando un punticino importante. Alla prima sulla panchina biancoblu di Marcello Montanari, si dice abbastanza contento della prova, ma ammette che ci sono tanti aspetti da migliorare: «Ci sono molti problemi, sia a livello atletico, sia di gioco della palla. Non è stata una bella partita, ma il dato positivo e quello che chiedevo ai ragazzi è stato di dare tutto e questo mi è piaciuto. La formazione si faceva da sola, e la posizione di Bovi è stata provata da Castellazzi e anche io sono stato d’accordo, conoscendo le doti del ragazzo, ma di alternative vere non ce n’erano. Ho visto però una squadra equilibrata. I ragazzi mi sono sembrati sottotono e nei secondi tempi li ho visti in calo. Dal mercato servirebbero rinforzi in tutti i settori, anche oggi nel momento di fare cambi ho dovuto chiedere ai ragazzi di sacrificarsi».

Si prende il punto il tecnico ospite Paolo Favaretto, anche lui all’esordio «Sono contento della mia squadra, che dopo una settimana complicata ha avuto la forza di reagire e riuscire a trovare il pareggio. Forse alla fine della gara, ai punti, avremo meritato la vittoria, ma sono comunque contento di questo punto che è un buon punto di partenza. Abbiamo avuto anche la voglia di andare a vincere, con agonismo ma non con tecnica, ma va bene lo stesso. Riguardo al mio arrivo, sono contento che questo gruppo abbia la sensibilità per difendere l’allenatore e spero che anche io riesca a cucire questo legame con la rosa. Ho detto loro che questo atteggiamento fa loro onore».

Sensazioni forti per il grande ex di turno Dario Polverini: «Oggi è stato molto emozionante per me. Speravo di non giocare mai contro la Pro Patria, ma oggi ho dovuto farlo. Dispiace vedere i tigrotti in questa posizione di classifica, perché è una piazza che non merita questa situazione. Ho conosciuto prima il presidente Filippi, sembra una persona a modo e spero che faccia il bene di questa squadra. Spero che la Pro si salvi e spero anche che prima di finire la carriera possa tornare a vestire la maglia biancoblu».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 febbraio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore