Nessun colpo di scena nel consiglio comunale sull’ospedale

Il direttore dell'azienda ospedaliera Bravi ha spiegato, con numeri e statistiche, le ragioni del periodo di sofferenza al PS. Nessuna chiarezza, invece, sull'applicazione della ricetta annunciata dal presidente Maroni

Chi si aspettava un confronto movimentato è rimasto deluso. L’audizione in coniglio comunale del direttore dell’ospedale cittadino Callisto Bravi non ha riservato sorprese o prese di posizione dure.

Il direttore ha presentato ai consiglieri le statistiche che spiegavano che l’ospedale è polo attrattivo ( il 30% degli accessi avviene fuori dal naturale bacino di riferimento) e che lo scorso periodo dell’anno è stato particolarmente difficile a causa dell’epidemia influenzale abbastanza aggressiva: gli accessi tra il 2014 e il 205 sono aumentati di quasi 400 unità e così i ricoveri hanno segnato un aumento del 20%. A complicare la situazione sono stati soprattutto gli anziani che sono stati "scompensati" dal virus influenzale, denunciando patologie pesanti e di difficile soluzione. Dati che hanno rallentato il normale turn over dei letti e, quindi, lo scambio di pazienti tra reparti e pronto soccorso. 

Il futuro, però, è rimasto abbastanza oscuro, ha commentato il pubblico presente tra cui numerosi infermieri del PS, intervenuto proprio per sentire le novità in cantiere. Il Direttore Bravi ha glissato sul piano annunciato dal  Presidente Maroni di attivare 40 letti subacuti, così come non sono state date idee precise della riorganizzazione che attende il PS con l’arrivo della commissione esterna. 

Il consigliere di opposizione Mirabelli ha invitato la politica a riprendere in mano le sorti di quello che appare un ospedale dimenticato, nonostante i massimi rappresentanti regionali in campo sanitario siano del territorio. 

Insomma, nonostante le attese, rimane ancora aperta la questione su come verrà attuata la "ricetta Maroni", cosa che si saprà, comunque, nelle prossime settimane. 

Tutti gli articoli sul Pronto soccorso

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 febbraio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.