“Semplificazione? Certo, ma solo in parte”

250 addetti ai lavori hanno risposto all’appuntamento della Camera di Commercio per analizzare luci ed ombre del decreto sulla semplificazione.

Il decreto in vigore da quest’anno che nella sua intitolazione fa riferimento appunto al concetto di semplificazione è stato al centro di un seminario che giovedì 12 febbraio ha richiamato a MalpensaFiere di Busto Arsizio ben 250 rappresentati del mondo delle imprese, ma non solo. Insieme a esponenti del sistema economico varesino, l’incontro dedicato alle novità sul rapporto tra sistema doganale e imprese introdotte dal già citato decreto ha visto infatti anche l’intervento del mondo della scuola: «Nel nostro Istituto Tecnico Economico abbiamo un indirizzo Relazioni Internazionali, i libri di testo non possono ovviamente stare al passo con l’aggiornamento normativo che interviene durante l’anno. Ecco perché abbiamo scelto di vivere un momento di formazione a fianco delle imprese grazie a questa interessante iniziativa» evidenzia la professoressa Ornella Ferrari, che è docente di Economia Aziendale all’Istituto Tecnico Economico “Tosi” di Busto Arsizio e che ha espresso grande interesse rispetto al seminario promosso dalla Camera di Commercio in collaborazione con il consorzio per l’internazionalizzazione Provex e con Unioncamere Lombardia. «Le ricadute di questi momenti di formazioni – continua la docente – risultano particolarmente preziose non soltanto per noi docenti, ma anche per i nostri allievi nel momento in cui, nella fase dell’alternanza scuola-lavoro, entrano in azienda per un periodo di stage».

Aziende varesine per le quali, sul fronte dell’export, sono di routine tutti i temi analizzati dall’esperto Simone Del Nevo: «Il decreto aveva molte buone intenzioni, puntando a garantire più semplicità nella gestione amministrativa dell’azienda su argomenti importanti nelle relazioni commerciali internazionali come modelli Intrastat, Dichiarazioni d’Intento e Black List. Ha raggiunto i risultati che si proponeva? La mia risposta è ni: in alcuni casi, penso alle Black List dove si è passati da una procedura mensile o trimestrale a una semplice dichiarazione annuale, mi pare che il riscontro sia positivo. Su altri argomenti, in particolare le Dichiarazioni d’Intenti, credo che si sia complicata la vita delle imprese» dichiara lo stesso Simone Del Nevo mentre risponde alle domande puntali dei rappresentanti delle imprese presenti a MalpensaFiere.

Un dato però è chiaro: questi momenti d’analisi e formazione servono a chi lavora negli uffici delle nostre aziende: «Esposizione chiara, massima disponibilità nei nostri confronti. Un relatore e un seminario ampiamente promossi» sottolinea il responsabile amministrativo della Fives Interlogistica, azienda di Lonate Pozzolo del settore metalmeccanico, prima di aggiungere: «Noi operiamo con l’estero per il 90% della nostra attività: questi incontri ci permettono non solo di rimanere aggiornati, ma anche di confrontare le nostre modalità aziendali con le procedure più adeguate, così da migliorarci costantemente».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 febbraio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore