Un’amara sconfitta per la Unendo Yamamay

Nella semifinale di Rimini passa 3-1 la Liu Jo Modena che si giocherà la Coppa Italia contro Novara. Per Busto un'eliminazione giusta ma dolorosa

yama semi finale modena

Finisce in lacrime l’avventura riminese della Unendo Yamamay Busto Arsizio che perde 3-
1 la semifinale
contro la Liu Jo Modena (25-18, 25-15, 22-25, 25-15). Le biancorosse  soffrono la potenza delle modenesi. Buono l’atteggiamento in campo delle farfalle che ci provano ma non riescono mai a imprimere il loro gioco sulle avversarie. Sottotono Valentina Diouf che è visibilmente debilitata dall’influenza e che non trova mai la misura giusta in attacco. Prestazione sotto i propri standard anche per capitan Marcon che trascorre la maggior parte della partita in panchina ma nessuna delle ragazze di Busto brilla particolarmente: Havelkova e Lyubushkina segnano 10 punti a testa e sono le migliori marcatrici. Tra le fila modenesi top scorer è Fabris (21 punti, 3 muri), seguita da capitan Piccinini (18 punti, 3 ace) e Rousseaux (13 punti). Tanti gli errori in battuta per entrambe le formazioni anche se le ragazze di Modena erano in un qualche modo “giustificate” da coach Beltrami che chiedeva di forzare il servizio e di piazzarlo in punti ben precisi della metà campo bustocca, dove ha individuato i punti deboli della ricezione delle farfalle. Nell’altra semifinale la Igor Gorgonzola Novara ha battuto per 3-1 la Imoco Volley Conegliano e domenica alle 19 si giocherà la finalissima contro Modena.
Le giocatrici della Unendo Yamamay torneranno invece a pensare al campionato e soprattutto all’impegno di giovedì sera contro la Dinamo Mosca, per i playoff 6 di Chiampions League.

LA PARTITA – Parisi si affida a Wolosz in regia, Diouf opposto, Marcon e Havelkova in attacco, Lyubushkina e Pisani al centro, Leonardi libero. Il primo set inizia in equilibrio tra le due formazioni che si rincorrono punto a punto. Si va al time-out tecnico sul 12-11 a favore delle modenesi che al rientro in campo tentano la fuga (14-12). Si prosegue ancora in parità fino al 16 pari, poi Piccinini e compagne si portano a +3 (19-17). Parisi mette in campo Degradi su Pisani in battuta, che però sbaglia e torna in panchina. Sul 23-18 coach Parisi cambia la diagonale Wolosz – Diouf con Camera – Perry. L’errore di Marcon in attacco (murata) e quello in difesa di Leonardi regalano a Modena il 25-18.
Anche il secondo parziale inizia in equilibrio (6-5). Modena scappa e si porta a +4 (12-8), grazie a un buon turno in battuta di Piccinini. Sul 13-8 Parisi mette in campo Michel per dare maggiore incisività nell’attacco al centro. Troppi errori in difesa e contrattacco per le biancorosse. Sul 15-9 dentro anche Degradi su Marcon che fatica a ingranare la marcia.
Busto Arsizio non riesce a imprimere incisività al proprio gioco e le ragazze di Beltrami ne approfittano. Sul 20-13 altra mossa: in campo Perry su Wolosz e le biancorosse restano senza palleggiatore. Ancora un punto per la Liu Jo (21-13) e in campo entra Camera su Diouf.
L’errore in battuta di degradi (24-15) e il muro su Havelkova segnano il 25-15.
Nel terzo parziale restano in campo Degradi su Marcon e Perry su Diouf. Inizia bene il set per la Unendo Yamamay che si porta agevolmente sullo 0-3 con Modena che fatica contro l’atteggiamento molto combattivo delle ragazze di Parisi (6-10). Le due formazioni combattono, ma la Liu Jo recupera parte dello svantaggio. L’ultima fase del set è combattuta (20-21): Rondon sbaglia il servizio e il set va alle biancorosse 22-25.
Il quarto set inizia di nuovo in equilibrio ma poi Piccinini e compagne allungano sul 10-8. Parisi deve chiamare il time-out sul 16-11 per cercare di riportare ordine nella sua metà campo ma di risultati non ne arrivano. Tocca allora ai cambi: sul 17-11 Busto mette in campo Diouf su Wolosz e Camera su Perry ma Modena continua a dettare il proprio gioco e guadagnare punti decisivi. Sul 20-13 tornano in campo Perry e Wolosz per una mossa disperata però gli attacchi di Heyrman e Piccinini chiudono set e partita sul 25-15.

LE INTERVISTE – Grande delusione per Francesca Marcon: "Eravamo molto cariche prima della partita e questa troppa voglia di fare probabilmente ci ha penalizzato: non siamo riuscite a mantenere la disciplina, la tensione giusta che serviva. Dispiace perché venivamo da una bella serie di partite consecutive che avrebbero dovuto darci la carica giusta. Modena ha giocato una grande partita, difendendo tantissimo".
Deluso anche coach Carlo Parisi consapevole che le sue ragazze hanno giocato ben al di sotto delle loro possibilità: "Nei primi due set siamo stati molto al di sotto delle nostre possibilità, contro Modena che invece ha giocato meglio. Non siamo riusciti a trovare la tranquillità nel campo necessaria per fare bene le nostre cose, al contrario delle ultime partite. Nel terzo, con i cambi effettuati, sembravamo aver trovato un equilibrio, ma il quarto ha confermato che stasera proprio ci mancava qualcosa. In altre gare le difficoltà ci avevano caricato, questa volta non è andata così. E’ una sconfitta che fa male, ma ripartiremo già da lunedì".

IL TABELLINO

Liu-Jo Modena – Unendo Yamamay Busto Arsizio 3-1 (25-18, 25-15, 22-25, 25-15)

Modena: Rousseaux 13, Kostic ne, Heyrman 11, Folie 7, Arcangeli (L), Petrachi ne, Ferretti ne, Piccinini 18, Fabris 21, Crisanti ne, Maruotti, Rondon 1, Ikic.
Busto Arsizio: Lyubushkina 7, Degradi 7, Rania, Michel 1, Leonardi
(L), Marcon 2, Perry 7, Camera, Diouf 7, Wolosz 2, Havelkova 10, Pisani 4.
Arbitri: Goitre – Pol.
Note. Modena: battute errate 14, ace 4, muri: 10. Busto Arsizio: battute errate 15, ace 0,
muri 10. Durata set: 23’ 24’ 29’ 25’. Spettatori: 3480.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 febbraio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.