Un futuro sicuro in edilizia: i progetti degli studenti

L'Issis Daverio di Varese si è aggiudicata il concorso promosso nell'ottobre scorso dalla Sede tecnica del Comitato Prevenzione infortuni all'interno di Ediltek. Secondi l'Isis Stein di Gavirate

Saper riconoscere gli Spazi confinati. Gestire la sicurezza nella progettazione e realizzazione del cantiere.” era il titolo di un concorso proposto lo scorso Busto Arsizio ottobre nell’edizione di Ediltek.

Il concorso, a livello provinciale, prevedeva l’assegnazione di 2 premi in denaro per un valore complessivo di €. 4.000. Coinvolti sono stati gli studenti delle classi IV degli istituti secondari di secondo grado della Provincia di Varese

Il percorso didattico iniziato i primi di ottobre durante la fiera EDILTEK 2014, si è concluso con la premiazione tenutasi presso la Sede tecnica del Comitato Prevenzione infortuni di Varese venerdì scorso 13 febbraio.

Come gli scorsi anni, la proposta formativa è stata realizzata nel quadro del programma di azione comune con il CPT e con la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Territoriale per far acquisire agli studenti conoscenze e nuove competenze in tema di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro tramite un’esperienza tecnico-pratica che li coinvolgesse in prima persona.

Quest’anno era chiesto agli studenti di considerare gli aspetti progettuali delle lavorazioni da eseguire in spazi confinati, la valutazione dei rischi e l’organizzazione del lavoro che vede più microimprese presenti contemporaneamente o in più fasi all’interno dello stesso cantiere.

Alla premiazione sono intervenuti circa un centinaio ragazzi dei due istituti scolastici premiati: 

• I.S.I.S.S. Daverio di Varese, classe IV c CAT, a cui è stato assegnato il primo premio pari a €. 2500
• Is E. Stein Gavirate, classe IV a CAT, a cui è stato assegnato il secondo premio pari a €. 1500.

Le classi vincitrici hanno presentato i lavori spiegando le scelte ed i risultati che li hanno condotti alla realizzazione dell’elaborato presentato in power point confrontandosi con grande entusiasmo ed interesse.

Da parte del CPT di Varese, da sempre molto attento ai temi della sicurezza, c’è stata una testimonianza, attraverso il tecnico Riccardo Munaretti, della reale possibilità di attuare in un campo pericoloso e complesso come quello degli ambienti confinati in edilizia, efficaci procedure di lavoro sicuro.

Per i vincitori si è fatto portavoce il prof. Valerio Negri : «Da anni i docenti delle materie tecniche del corso CAT, ex geometri, dell’ISISS DAVERIO – CASULA partecipano all’iniziativa promessa da INAIL. Quest’anno siamo giunti alla VI edizione e per la sesta volta l’Istituto ha aderito con entusiasmo all’iniziativa, il compito assegnato ha rappresentato un’importante occasione di lavoro che ha arricchito gli studenti di molte conoscenze inerenti le realtà locali, di conoscenze tecniche, tecnologiche ed informatiche e io stesso ho arricchito il mio bagaglio conoscitivo e culturale. I ragazzi hanno partecipato con molto entusiasmo ed enfasi alla realizzazione di un lavoro multimediale che hanno saputo gestire lavorando a stretto contatto con i loro insegnanti; è stata l’occasione per operare con spirito di squadra riunendosi attorno ad un tavolo e mettendo in campo i propri punti di vista, le proprie idee. È nato così il concetto di come realizzare il lavoro multimediale e sfruttando le potenzialità dei singoli è derivata la forza dell’intero gruppo di lavoro. Ci riferiamo in particolare al fatto che uno studente, James, avendo l’hobby del disegno a fumetti, ha preparato delle immagini che sono servite di supporto ai concetti che dovevamo veicolare…. altri hanno contribuito con la propensione al coordinamento dei lavori, altri con le abilità informatiche o, ancora, con la capacità di riordinare le informazioni acquisite ed i concetti da esprimere…… E quelli che hanno schivato le fatiche del lavoro e dell’impegno di squadra? Hanno avuto una doppia lezione morale: non hanno potuto gioire appieno per i risultati ottenuti e hanno capito che l’impegno ed il gioco di squadra può essere veramente vincente!! Anche questa è comunque una importante lezione».

Per i secondi premiati il prof. Salvatore Garofalo ha dato la parola ai ragazzi della classe IV A Cat –  che sono stati divisi in quattro gruppi. ( il Gruppo Zhag vincitore composto da – Alice Camarda, Hajar Hassane, Gloria Capriuli, Andrea Zanon): «Grazie all’iniziativa intrapresa da INAIL e CPT ci è stato possibile partecipare al concorso inerente le tematiche della sicurezza sul lavoro da affrontare durante le fasi lavorative all’interno degli spazi confinati. All’inizio abbiamo pensato che non sarebbe stato semplice proporre qualcosa di realizzabile ed eravamo abbastanza scoraggiati. Successivamente, stimolati dai nostri insegnanti, abbiamo deciso di prendere in esame situazioni concrete uscendo dalla fase puramente teorica. Ci siamo quindi concentrati sul depuratore di Laveno Mombello grazie anche alla disponibilità dimostrata dai tecnici che ci hanno accompagnati a visitare la struttura posta nella frazione di Cerro. Si è rivelata un’esperienza molto interessante e completamente diversa dalle solite ricerche scolastiche. Abbiamo raccolto i dati e cercato di individuare le criticità della struttura cercando poi di proporre alcuni semplici accorgimenti utili ad incrementare la sicurezza dei lavoratori.
Ovviamente siamo stati molto felici per il riconoscimento del nostro lavoro».

Anche gli altri tre gruppi hanno preso parte ad un’esperienza sul campo che li ha portati a riflettere sul concetto di spazio confinato e sulle metodologie da applicare per lavorare in sicurezza.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 febbraio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.