Venerdì l’addio a Emidio Cavigioli

Alle 10,45 alla basilica San Giovanni ci sarà il funerale della bandiera della Pro Patria

Sono giorni tristi a Busto Arsizio. Lunedì 23 marzo è morto Emidio Cavigioli, una delle bandiere più lucenti della storia della Pro Patria. Nato a Omegna nel 1925 e cresciuto nello Sparta Novara, l’ala arriva a Busto Arsizio nel 1945 dopo aver vestito la maglia del Novara. Con la maglia tigrotta diventa uno dei protagonisti della promozione in serie A del 1947. Nel 1951 lascia la Pro per approdare nel Torino ferito dalla tragedia di Superga, ma in granata le soddisfazioni sono poche e così Cavigioli decide di tornare in biancoblu, dove rimarrà fino al 1956, prima di chiudere la carriera con un anno a Varese. Nella sua carriera ha vestito anche per due volte la maglia della nazionale italiana, convocato da Vittorio Pozzo per l’Olimpiade del 1948 a Londra, dove ha giocato due gare mettendo a segno tre gol, con un’apprezzata doppietta contro gli Stati Uniti.
Ritiratosi da giocatore nel 1957 è sempre stato a fianco della Pro Patria, mai con carichi ufficiali, ma con il cuore per sempre tinto di biancoblu.
I funerali si svolgeranno venerdì 27 febbraio alle ore 10,45 alla Basilica San Giovanni a Busto Arsizio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 febbraio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.