Bpb: cresce l’utile netto e migliora la qualità del credito

Approvata dal cda la semestrale. Cresce la raccolta totale pari a 49,8 miliardi di euro

banca popolare di bergamo

Buone notizie arrivano dalla semestrale della Banca Popolare di Bergamo (Gruppo Ubi) che a fine giugno fa registrare un utile netto di 84 milioni di euro. Migliora la gestione operativa (+7,1%) e a fronte di proventi operativi che si attestano a 403,2 milioni (-1,5%) si registrano oneri operativi pari a 220 milioni (- 7,6%).

La flessione dei tassi del 2014, di cui ha beneficiato la clientela sotto forma di minori oneri finanziari, ha portato a una contrazione del 3,6% del margine di interesse, mentre le commissioni nette, a 178,4 milioni, risultano in lieve progresso rispetto al semestre precedente (+0,3%).

Oneri operativi – Il raffronto anno su anno registra una lieve crescita dello 0,2%, determinata da un aumento delle spese del personale del 3% (+3,9 milioni) – principalmente a seguito degli incrementi salariali del luglio 2014 derivanti dal contratto collettivoe della minore contribuzione del “Fondo di solidarietà per il sostegno dell’occupazione del Credito” – e da una riduzione delle altre spese amministrative del 3,6% (-3,2 milioni).

Il Cost/Income si è posizionato al 54,57%, in crescita rispetto al giugno 2014 ma in netto miglioramento rispetto al secondo semestre 2014 (58,21%). Di rilievo risulta essere la contribuzione al Fondo Nazionale per la Risoluzione prevista dalla Direttiva BRRD – Bank Recovery and Resolution Directive – 2014/59/EU, che incide sul conto economico per 3 milioni.

Qualità del credito – È in netto miglioramento. Le rettifiche nette su crediti, pari a 52,7 milioni (67,1 milioni a fine giugno 2014) evidenziano la qualità del portafoglio crediti della Banca, confermata anche dalla significativa riduzione del costo del credito, attestatosi allo 0,55% annualizzato (0,71% al termine del primo semestre 2014), il più basso dal dicembre 2011.

Impieghi – Rilevante è stato il sostegno della banca alle famiglie ed in generale all’economia locale: crescono di oltre due punti percentuali gli impieghi alla clientela (19,1 miliardi), rispetto al dicembre 2014; come sono cresciute (+62%) le erogazioni di finanziamenti a medio/lungo termine, pari a 1.574 milioni, le nuove  – di cui 333 milioni a favore dei privati (+19%) e circa 1.200 milioni a favore delle imprese (+88%).

Leasing -Eccellente la performance registrata dal comparto, con nuovi contratti per oltre 158 milioni (+72% anno su anno). Ulteriore supporto al tessuto economico è stato garantito dallo smobilizzo di circolante tramite la Società UBI Factor (+20,2% da inizio anno).

Crediti deteriorati – Sono pari a  1,53 miliardi circa (7,99% dei crediti netti verso la clientela) si mantiene stabile rispetto al dicembre 2014 (7,93%), indice tra i più bassi nel panorama bancario nazionale. Con riferimento agli indicatori di rischiosità, il rapporto sofferenze nette/impieghi netti, attestatosi al 4,28%, risulta in miglioramento rispetto a fine 2014 (4,33%) già allora inferiore al dato di sistema.

Raccolta totale – Alla fine del semestre ammonta a 49,8 miliardi, di cui 2,8 miliardi da controparti istituzionali, con una crescita di 1,2 punti percentuali. Nel dettaglio, la raccolta diretta da clientela, pari a 14,7 miliardi, raggiunge i 20 miliardi ricomprendendo i prestiti obbligazionari emessi dalla capogruppo e collocati dalla Banca (complessivamente 5,3 miliardi).

La raccolta indiretta da clientela ordinaria (al netto dei PO UBI collocati dalla Banca) è pari a 26,9 miliardi: di rilievo l’incremento del “risparmio gestito”, comprensivo di “polizze vita”, che raggiunge i 16,1 miliardi (+ 12,1%).
Da inizio anno si registrano flussi netti di “gestito” per circa 950 milioni e nuove sottoscrizioni di “polizze vita” per oltre 474 milioni, a conferma dell’apprezzata qualità dell’attività di consulenza offerta dai gestori di relazione.

A fine giugno il rapporto fra il capitale primario di Classe 1 ed il totale delle attività di rischio ponderate (Common Equity Tier 1) è del 18,46%, confermando così la forte patrimonializzazione della Banca.
Il patrimonio ed i coefficienti di vigilanza al termine del semestre 2015 sono stati calcolati applicando la normativa Basilea 3.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 agosto 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.