Dalla Sicilia a Expo con la handbike

È l'impresa che ha realizzato Samuel, un sedicenne partito da Siracusa e che ha percorso 800 chilometri in 14 giorni per lanciare un messaggio importante: «la disabilità non esiste»

Dalla Sicilia a Expo con la handbike

È arrivato questa mattina a Expo  Samuel Marchese, 16enne di Siracusa, giunto con la sua handbike, dopo aver percorso 800 chilometri in 14 tappe. Oggi pomeriggio, venerdì 14 agosto, Samuel e i suoi compagni di avventura, i ‘Freedom Angels’,  si concederanno qualche ora di riposo nella struttura di Lainate, messa a disposizione da Regione Lombardia, che in futuro diventerà un hospice.

Questa sera in loro onore cena a base di prodotti lombardi. Resteranno in Lombardia per altri due giorni e poi faranno rientro a Siracusa: «La disabilità non esiste: con la determinazione possiamo farcela tutti. Qui a Expo, dove si vuole comunicare che il cibo è vita e la vita è gioia, noi vogliamo mostrare che, anche con le difficoltà, si può vivere con gioia» queste le parole di Samuel Marchese, al suo arrivo, alla Cascina Triulza. Samuel ha compiuto questa impresa  con la sua handbike e ha voluto intitolarla ‘Dalla Sicilia a Expo 2015’. Insieme  lui il gruppo di persone con disabilità Freedom Angels, Angeli della Libertà.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 agosto 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.