Dimmi dove abiti, ti dirò quanto paghi

In base al comune di residenza le tasse possono oscillare di quasi 400 euro. Ecco dove "conviene" abitare

tasse

La media di 618 euro all’anno di tasse comunali pagato nel 2014 è, appunto, una media. In realtà i dati cambiano -e di molto- in base ai comuni di residenza. In base alla popolazione, infatti, si può passare da un massimo di 882 euro fino ad un minimo di 511: un salto di 371 euro.

Le rilevazioni della Corte dei Conti mostrano infatti come -da un punto di vista della tassazione- sia meglio abitare in un comune di dimensioni medie. I paesi con una popolazione compresa tra i 5.000 e i 10.000 abitanti, infatti, nel 2015 hanno pagato la quota minora di tasse locali: 511 euro pro capite. Una cifra simile viene pagata anche dai comuni con popolazioni comprese tra i 2mila e i 20.000 mentre più tartassati sono gli altri. In particolare i mini-comuni pagano in media tasse molto alte: 628 euro quelli sotto i 2.000 abitanti, più delle città con popolazione compresa tra 20.000 e 60.000 abitanti (558 euro).

Ecco la tabella con dati della Corte dei Conti aggiornati al 15 aprile 2015 con tutti i dati e il loro andamento nel tempo.

confronto tasse 2011 2014

di marco.corso@varesenews.it
Pubblicato il 02 agosto 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. mauro_sabbadini
    Scritto da mauro_sabbadini

    in sintesi: i comuni maggiori sono più costosi ma hanno anche maggiori servizi (su tutto il trasporto pubblico), i comuni medi costano meno, i comuni piccoli e piccolissimi non solo costano di più ma hanno anche, per ovvie ragioni, meno servizi