Era fuggito da una comunità il ragazzo caduto nel Villoresi

Si tratta di un 15enne afgano, che si era allontanato da un centro di Trieste in compagnia di un altro minorenne. E' ancora grave

vigili del fuoco, recupero, villoresi,

Nuovi sviluppi sul tragico evento accaduto a Castano Primo nel pomeriggio di Ieri.

I Carabinieri della Stazione di Castano, per tutta la notte hanno cercato ogni utile indizio per individuare chi fosse il giovane che ieri 17 agosto 2015, alle ore 18 circa, tuffatosi nel canale Villoresi in quella Via Gallarate non era riuscito, poi, a risalire. Già dalle prime ricognizioni, sentendo i testimoni e verificando la identità delle persone che erano rimaste nell’area dell’incidente durante le operazioni di soccorso, l’attenzione si era concentrata su di un giovane, di nazionalità Afghana che era in evidente stato di shock.

Lo scenario ricostruito nelle ore successive al fatto dai Carabinieri era il seguente. Il giovane malcapitato si era  tuffato in acqua per fare il bagno, più di una volta. L’ultima, però, non è riuscito a rimanere a galla, non si sa se per un malore o per la poca praticità nel nuotare. Da subito alcuni altri “bagnanti” si sono allarmati ed un giovane di Castano Primo, le cui generalità sono rimaste ignote, si è tuffato in acqua per salvarlo, senza riuscirvi pur ritentando più e più volte. Il giovane sarebbe rimasto sottacqua per minuti lunghissimi fino a che non è stato ripescato dai Vigili del Fuoco, informati dal 118 e dai Carabinieri. Nel mentre si eseguivano le operazioni di rianimazione da parte del personale sanitario, i Carabinieri hanno cominciato a cercare testimoni ed eventuali parenti del ragazzo. Da qui sono state individuate alcune persone di cui solo una, per la concordanza di alcune dichiarazioni fatte dalle persone ascoltate, pareva avere stretta attinenza con la persona che aveva subito l’incidente.

A metà mattinata di martedì 18 agosto si è potuto avere qualche informazione ulteriore quando, le ricerche sulla documentazione “in rete” hanno consentito di verificare che effettivamente i giovani, entrambi indicati come 15enni, erano insieme e che insieme, lo scorso luglio, si erano allontanati da una comunità di Trieste.

Il malcapitato è tutt’ora ricoverato in prognosi riservata presso l’ospedale di Bergamo. L’altro giovane è stato riaffidato alla comunità Triestina.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 agosto 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.