“Giusto stare con Gallarate” I medici dell’Ondoli felici della riforma sanitaria

I primari di chirurgia e di medicina approvano, a nome di tutto il personale degli ospedali di Angera e Somma, la scelta di non trasferire il presidio sotto la direzione di Varese

ospedale angera carlo ondoli

Rimarrà agganciato all’ospedale di Gallarate e al suo destino. Dopo le voci di una probabile migrazione sotto la direzione dell’azienda ospedaliera di Varese, il personale medico dell’Ondoli di Angera plaude alla scelta fatta in extremis in regione all’atto di approvazione della riforma sanitaria.

In un comunicato i due direttori della chirurgia dottor Francesco Interdonato e della medicina dottor Alberto Schizzarotto del presidio angerese si dicono contenti della soluzione adottata e che garantisce la prosecuzione di un modello di integrazione con il Sant’Antonio in atto da anni.

«Un plauso va a chi in Regione ha deciso di lasciare gli ospedali di Angera, Somma Lombardo e Gallarate uniti – affermano i due medici a nome di tutti i loro collaboratori di Angera e Somma Lombardo i due Direttori della Chirurgia e della Medicina – Crediamo che i nostri politici abbiano preso la decisione più logica e soprattutto più funzionale dal punto di vista organizzativo e di gestione delle risorse umane. Da diversi anni ormai si sono instaurati strettissimi rapporti di collaborazione tra i tre ospedali che hanno permesso di raggiungere ragguardevoli risultati sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo. Dividerli facendoli afferire a due Aziende differenti avrebbe sicuramente compromesso quanto è stato fatto».

«Considerato però lo spirito della nuova riforma sanitaria lombarda che sottolinea l’importanza dell’integrazione tra ospedale e territorio, è indispensabile che anche il Distretto di Sesto Calende confluisca nell’ASST della Valle Olona» concludono i due primari.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 agosto 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.