Gli antirazzisti protestano contro “Dalla vostra parte”

I militanti, tra cui quelli del Kinesis, si sono seduti con cartelli tutto intorno al tavolo di una pasticceria, scelto per l'intervista al senatore leghista Stefano Candiani. "Trasmissione fascio-razzista"

tradate protesta kinesis quinta colonna

Il centro sociale Kinesis e un gruppo di militanti antirazzisti della provincia hanno “assediato” le riprese del programma “Dalla vostra parte”, arrivato a Tradate per un servizio sui profughi che saranno accolti in città.

«A Tradate sono stati accolti presso il Barbara Melzi i 75 rifugiati che prima erano ospitati a Venegono. Si è subito scatenata la canea xenofoba e razzista della Lega» spiegano i militanti, che hanno chiamato alla mobilitazione contro «la trasmissione fascio-razzista di Rete4», accusata di dare «risonanza mediatica a questi squallidi personaggi che fomentano l’odio razziale».

I militanti si sono seduti ai tavolini della pasticceria scelta come “salotto” per le riprese, in cui era coinvolto l’ex sindaco della città, il senatore Stefano Candiani.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 agosto 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da newyorkshire

    per quello che si è visto in tv i centri sociali/militanti ecc hanno rifiutato l’invito della trasmissione a prendere parte al dibattito e argomentare le loro idee in modo civile ma hanno impedito il normale andamento del collegamento… se questo articolo riporta una sola campana penso sia legittima nei lettori una qualche perplessità nel non considerarlo fazioso

  2. Scritto da Felice

    Gente che nel privato o sui social network parla di buttare esseri umani a mare, rovesciare le barche e farli fuori non può essere la fonte di una normale convivenza e dibattito civile.

    E’ naturale che l’attuale sindaco (lavorando con le associazioni e la curia) ha fatto il possibile per mitigare l’attuale insediamento di alcune decine di migranti e profughi. Mi sembra che la soluzione sia la più corretta e gestibile nel lungo periodo.
    Nessun Tradatese è stato intaccato da questa accoglienza che ricordo essere sempre rivolta ad essere umani e non a bestie.
    Quello che purtroppo rimarrà a Tradate è la follia della passata amministrazione. Centri commerciali megalitici non finiti, urbanizzazione selvaggia e barbara della città, palazzoni semi vuoti.

    Di questo scempio edificatorio chi ci risarcisce?

  3. Scritto da assurdo

    Caro felice non saranno bestie ma intanto un essere umano di questi ospitato a pagamento dagli italiani in un centro accoglienza, ha ucciso due persone marito e moglie massacrandoli per derubarli. Questo è stato recuperato in libia e portato qua e di conseguenza questi due italiani sono morti. Se capitava a te come la prendevi?

    1. Scritto da Felice

      Caro assurdo,

      la notizia l’ho letta anch’io e l’ho letta semplicemente perchè l’assassino è straniero e quindi ha i requisiti per certi avvoltoi politici al fine di scatenare il putiferio mediatico.
      Invece tutto è finito nel dimenticatoio quando (ribaltando i ruoli) l’ucraino Anatoly, da anni residente in Italia) è stato ucciso per aver tentato di difendere il personale di un supermercato nel corso di una rapina commessa da italianissimi.

      http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-italia/anatoliy-korol-quelli-che-non-doveva-farlo-2262217/

      Il problema quindi non è il crimine, che andrebbe trattato nello stesso IDENTICO modo indipendentemente da chi lo commette, ma è che certa gente usa certi fatti di cronaca pur di farsi campagna politica.

      Non so come dirlo e sarò diretto: ecco, a me questa gente fa schifo nello stesso identico modo di chi uccide una persona.
      Capisco che fare populismo è molto facile, del resto siamo nel paese delle processioni con inchino davanti alle case di mafiosi. Quindi di che legalità e rispetto delle regole stiamo parlando?