Isolino Virginia, stop al pontile

Bloccata l'installazione del nuovo manufatto comprato dall'amministrazione. Si deve pronunciare la Soprintendenza sulla scorta di una relazione archeologica sui fondali

Palafitte e pontile sono compatibili? Sembra questo il dilemma che ha determinato uno stop al pontile dell’Isolino Virginia (che riapre a ferragosto). La Soprintendenza non ha ancora dato il suo nullaosta. La speranza è che i problemi si risolvano ma intanto il nuovo corso dell’isolino inizia senza una delle infrastrutture che l’amministrazione comunale di Varese aveva acquistato appositamente per l’isola.

Galleria fotografica

Isolino Virginia 10 agosto 2015 4 di 29

Il pontile è arrivato lo scorso 30 luglio sul lago, e l’avvenimento è stato documentato dall’assessore Riccardo Santinon su facebook. E’ costato 40mila euro, metà finanziati dalla Regione. «Credo sia solo questione di tempo – chiarisce l’assessore alla cultura Simone Longhin – mi risulta che fosse stato in un primo momento autorizzato, ma in realtà ha una lunghezza maggiore rispetto a quella ipotizzata in prima battuta. Per questo motivo, occorre che la Soprintendenza si pronunci, e credo che dopo il ferragosto ci darà una risposta». Isolino Virginia

Il problema è che il manufatto rischia di coprire un po’ troppo o di interferire con i resti palafitticoli e questo potrebbe essere un controsenso, visto che l’Isolino Virginia ha una sua valenza internazionale poiché è inserito nel novero dei 111 siti palafitticoli dell’arco alpino (bene Unesco) ed è anche vincolato. Nel frattempo si continuerà ad usare quello vecchio, e quindi nessun problema per l’accessibilità.

La Soprintendenza si pronuncerà dopo aver anche visionato una relazione archeologica. Alla fine di luglio sono giunti sull’Isolino un gruppo di sommozzatori tedeschi, deputati proprio a valutare lo stato di conservazione dei resti palafitticoli.  «Sono stati ottenuti risultati molti interessanti – conferma l’archeologa Daria Banchieri del Musei di villa Mirabello e del comune di Varese – si è potuto verificare e individuare molte cose. Sott’acqua ci deve essere un monitoraggio costante di questi materiali. Tutt’intorno all’isolino é pieno di strutture palificate molto interessanti e strati archeologici che saranno oggetto di ricerche, analisi e datazioni. Abbiamo inviato alla Soprintendenza una relazione su queste ricerche, e non sul pontile, sulla cui compatibilità si dovrà esprimere la Soprintendenza stessa. Questo luogo infatti è tutelato fin dal 1922».

di roberto.rotondo@varesenews.it
Pubblicato il 12 agosto 2015
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Isolino Virginia 10 agosto 2015 4 di 29

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Il MATOCCO

    Prima di spendere tanti soldi per un pontile non sarebbe stato comunque meglio acquisire il nulla-osta della Sovrintendenza? E non si sarebbe potuto risovere il problema dell’accesso all’Isolino con un semplice PONTE DI BARCHE, come si vede su tanti corsi d’acqua, senza alterare il fondale ?