Nidi di calabroni, ci pensa la Protezione Civile

La Protezione civile è intervenuta per rimuovere, con successo, quattro pericolosi nidi di calabroni. Ecco cosa fare in caso ci si accorga di avere lo stesso problema

calabroni galleria

Metti un caldo weekend di fine estate, la voglia di uscire o magari di trascorrere una serata tranquilla: nulla di tutto ciò ha potuto realizzarsi venerdì sera per una famiglia Prospiano (Gorla Minore), alle prese con un problema inaspettato e alquanto serio. Hanno, infatti, ricevuto la visita di tre volontari della Protezione Civile che sono saliti sul tetto della loro casa per eliminare un nido di calabroni.

La disinfestazione è avvenuta con successo: ad intervento finito la famiglia gorlese ha potuto ringraziare gli agenti per il lavoro svolto e allontanare ogni timore per la propria incolumità, considerando la pericolosità di questi insetti.

“Inizialmente sentivamo un piccolo ronzio in una stanza, proveniente dalla botola interna che porta al sottotetto – ci racconta il signor Mario, proprietario di casa – credevamo si trattasse di un’ape, ma poi ci siamo accorti che il problema era fuori dalla nostra portata. Si fosse trattato di un altro tipo d’insetti me ne sarei occupato personalmente, ma so che i calabroni sono davvero pericolosi e ho chiesto aiuto. Inizialmente non sapevo bene a chi rivolgermi: ho chiamato i Vigili del Fuoco, che mi hanno però suggerito di contattare gli uffici comunali. Così, nella mattina di venerdì sono andato in Comune a Gorla Minore, dove ho segnalato il problema. Immediatamente, davanti a me, hanno chiamato la Protezione civile di Gorla Maggiore, che ha assicurato il suo intervento per la serata”. Una storia andata a buon fine per questa famiglia gorlese che ha potuto tirare un sospiro di sollievo.

Ma quali sono i comportamenti da seguire in caso ci si imbatta in situazioni analoghe? Lo abbiamo chiesto a Marco Brambilla, coordinatore della squadra: “Grazie ad una convenzione normativa provinciale, la provincia di Varese è stata suddivisa in diverse zone: le Protezioni civili dei comuni di ciascuna area si coordinano fra loro per risolvere i problemi che possono insorgere. Per la disinfestazione da calabroni, ad esempio, in zona 3 siamo noi della Protezione civile di Gorla Maggiore ad occuparcene: i nostri agenti hanno seguito corsi specifici per intervenire in queste situazioni. I cittadini possono chiedere direttamente la disinfestazione oppure rivolgersi al proprio Comune di residenza, che si occuperà di contattare la Protezione civile di competenza. Si tratta di un intervento gratuito, ai cittadini viene richiesto solo il rimborso del costo della sostanza speciale utilizzata che, è importante dirlo, non è nociva per le persone, ma è necessaria per debellare questi pericolosi insetti”.

“In meno di un’ora ci hanno tolto un gran peso – commenta il signor Mario – e che peso: non si trattava di un solo nido: erano quattro nidi di circa 15 cm di diametro ciascuno, un rischio notevole per la mia famiglia.
Ci è stato richiesto il pagamento di 30 euro per la sostanza utilizzata durante la disinfestazione, che abbiamo pagato volentieri considerando la rapidità e l’efficacia del loro intervento”.

 

di
Pubblicato il 31 agosto 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.