Varese News

Pazzi sedicenni, rubano auto e si schiantano sul muro

La vicina di casa lascia le chiavi in auto, i ragazzini compiono il furto e provocano un incidente

carabinieri (Baldassarre, Corona)

La signora del terzo piano, ha pensato il ragazzino, lascia sempre la macchina aperta e, qualche volta, ha persino l’abitudine di dimenticarsi le chiavi. Una tentazione, se sei un 16enne che vuole combinare un guaio. E così è stato. Un ragazzino di quell’età, abitante in via Mozart, nel quartiere di Casbeno, ha compiuto un furto insieme a tre amici, due di 16 e uno di 13 anni mezzo.

(foto, i carabinieri: maresciallo Cirigliano comandante della stazione di Varese, il capitano Geraldina Corona capitano della compagnia di Varese, il maresciallo Sambataro comandante della stazione di Porto Ceresio)

I giovanissimi hanno rubato l’automobile decisi a farci un giro, sabato verso tarda sera. L’idea era quella di recarsi al Carrefour di Masnago e comprare delle bibite per la serata. Ma nessuno di loro sapeva guidare e alla prima curva, in via Colombo, sono andati a sbattere contro un muro. I carabinieri sono intervenuti poco dopo.  Nessuno dei ragazzi si è fatto male durante l’incidente. Sono stati tutti denunciati alla procura dei minori di Milano per furto aggravato.

di roberto.rotondo@varesenews.it
Pubblicato il 04 agosto 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Poniamoci delle serie domande anche sui genitori di questi “ragazzi”.
    Mio padre mi avrebbe riempito di botte fossi stato l’autore di tale atto.
    Molto probabilmente questi se la caveranno alludendo al “disagio giovanile” e alla noia.
    Gli verrà dato un rimprovero (ma non troppo severo se no si traumatizzano per la minima cosa) e la vicenda diventerà la bravata dell’estate 2015 con cui pavoneggiarsi sui social.
    Non vorrei essere nei panni dei Carabinieri…rischiano anche di essere presi a male parole. Come si è permesso di arrestare mio figlio? tuona la mamma giustificatrice.
    Mi spiace per la signora e per la sua auto. Molto probabilmente d’ora in poi la chiuderà.
    W la libertà.