Pellegrini-Paltrinieri d’argento, Castiglioni sesta in staffetta

Seconda finale per la giovanissima di Busto Arsizio. Ottimo doppio podio per l'Italia con gli atleti più forti della spedizione azzurra

federica pellegrini nuoto

Seconda finale in due giorni ai Mondiali di nuoto a Kazan per la bustocca Arianna Castiglioni. La stella del Team Insubrika, ottava martedì nei “suoi” 100 rana, ha conquistato il sesto posto nella curiosa staffetta 4×100 “misti mista”: una gara che vede impegnati uomini e donne nello stesso team senza obbligo di ordine di partenza. Capita così di vedere in acqua atleti di sesso diverso, con le posizioni che inevitabilmente variano a ogni passaggio di testimone.

Oltre a Castiglioni, che nella seconda frazione di finale ha fatto un tempo lanciato (1’06″40) decisamente migliore rispetto alle batterie del mattino, sono andati in vasca il dorsista Simone Sabbioni, il delfinista Piero Codia e la stileliberista Silvia Di Pietro. In mattinata però la frazione a farfalla è stata nuotata dall’altro portacolori nostrano, l’arconatese Matteo Rivolta, che ha così fatto il proprio esordio nella vasca della città russa nella quale dovrà esprimersi al meglio nelle gare in cui è più atteso.

PELLEGRINI D’ARGENTO – Nel pomeriggio di Kazan è arrivata una delle medaglie più attese della spedizione italiana, quella di Federica Pellegrini. La campionessa veronese (foto FIN/deepbluemedia.eu), nel giorno del suo compleanno, ha ottenuto un prezioso argento nella sua gara preferita, i 200 stile libero. Meglio di lei, di un’incollatura, solo la fenomenale americana Katie Ledecky in 1’55″16, solo 16 centesimi meglio di Federica. Pellegrini è partita nel gruppo, è rimasta relativamente coperta fino ai 150 metri mentre nell’ultimo “cinquanta” ha esploso la propria potenza: tutte le rivali sono state risucchiate a eccezione di Ledecky, ma all’arrivo non è mancato il sorriso sul volto dell’azzurra. E non potrebbe essere altrimenti, visto che Federica sale sul podio nella stessa gara da sei Mondiali consecutivi (la prima volta a Montreal 2005) con un bilancio che parla di due ori, tre argenti e un bronzo.

PALTRINIERI RECORD – L’altra medaglia della giornata è stata altrettanto strepitosa ed è arrivata negli 800 metri stile libero. Protagonista l’emiliano Gregorio Paltrinieri che ha dato filo da torcere sino all’ultima bracciata al favorito cinese Sun Yang; l’azzurro – che è specialista dei 1.500 metri – ha prima tallonato il britannico Horton, poi è passato a condurre e ha risposto colpo su colpo al cinese che solo negli ultimi 25 metri ha guadagnato il margine minimo per la vittoria. Paltrinieri comunque, oltre al secondo gradino del podio, ha conquistato un fantastico record europeo sulla distanza.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 05 agosto 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.