Raffaele Fagioli: “Via il parcheggiatori abusivo dal Santuario”

Il presidente del consiglio comunale comunica che il parcheggiatori abusivo è stato allontanato e annuncia: "Questa è solo la prima iniziativa contro i delinquenti"

Il consiglio comunale di Saronno, tutti i consiglieri

E’ lo stesso Raffaele Fagioli, nuovo presidente del Consiglio Comunale, a diffondere la notizia: “Da alcuni giorni i cittadini residenti in zona Santuario hanno notato qualcosa di diverso. Sta cominciando a cambiare musica, come promesso dal Sindaco Alessandro Fagioli in campagna elettorale”.

Fagioli comunica quindi che “i posti auto tra il Santuario e l’edicola non sono più gestiti dal parcheggiatore abusivo straniero che, in cambio di questo presunto servizio, riusciva a beneficiare di compensi economici -rigorosamente in nero- da parte degli automobilisti”. Un cambiamento dovuto alla «fermezza e volontà dell’Amministrazione leghista e grazie all’intervento serrato della Polizia Locale, è stato possibile allontanare ripetutamente l’abusivo facilitatore della sosta finché ha desistito dal tornare.

Una operazione di ripristino della legalità “senza proclami o clamore mediatico” che ha portato “un miglioramento alla sicurezza sia degli automobilisti sia della zona”. E così, prima di annunciare che “sono in dirittura d’arrivo altre iniziative necessarie a rimuovere il degrado che ancora circonda il Santuario ed il resto della città” Fagioli mette in guardia: “dovesse tornare, lo continueremo a cacciare, perché la chiave per avere più sicurezza è il continuo controllo del territorio, in modo che i delinquenti non pensino di farla franca”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 agosto 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da luciano Cairati

    u fele ul so meste – tradotto : ad ognuno il proprio mestiere.
    Nulla in contrario se a commentare questa “meritoria iniziativa” fosse stato il Sig. Sindaco, un componente della Sua Amministrazione (Giuinta), bene un referente politico del Partito quale il Capo Gruppo Consiliare, meglio ancora il Segretario Politico. Diverso invece se la nota giunge ai mass media direttamente dalla Più Alta Carica del Consiglio Comunale: il Presidente; il quale, proprio per l’autorevolezza della Sua funzione dovrebbe astenersi dall’intervenire platealmente in forma così ufficiale.
    Spero che il costituendo “Staff del Sindaco” fra i compiti di indirizzo politico trovi tempo e modo anche per aiutare il fratello.
    Luciano Cairati

    1. Scritto da Caren

      Completamente d’accordo … intervenire poi su un argomento propagandistico come sempre a danno dei più miserabili della scala sociale.

  2. Scritto da Caren

    PENOSO !!! Pensassero a cose veramente più serie che non dare la caccia a dei poveracci che si inventano un lavoro per poter sopravvivere apostrofandoli con epiteti quali ” delinquenti” Vada a stanare delinquenti più altolocati e magari investiti dell’autorità conferita loro dall’ iscrizione a qualche lista elettorale.