Risparmio energetico, nuova consulenza da 35.000 euro

Procede l'iter di adesione al "patto dei sindaci" per la riduzione delle emissioni di gas serra con una nuova consulenza richiesta da Palazzo Gilardoni.

risparmio energetico

Procede -e diventa sempre più caro- il percorso di Busto Arsizio per l’adesione al Patto dei Sindaci, l’iniziativa della Commissione Europea finalizzata al coinvolgimento degli Enti Locali nella lotta contro il cambiamento climatico causato dalle emissioni del gas serra in atmosfera. Un percorso che la città ha deciso di intraprendere, ma che fino ad ora sta producendo solo carta.

Dopo la “realizzazione di un piano d’azione per la gestione di attività di coordinamento per le fasi preparatorie alla firma del patto dei sindaci” adesso è infatti la volta della “realizzazione del piano di adesione per l’energia sostenibile“. Un percorso di documenti e consulenze che Busto Arsizio ha iniziato lo scorso ottobre con una prima consulenza da 50.000 euro (poi ridotti di qualche migliaio durante la gara) che è culminato poi nella richiesta del Consiglio Comunale dello scorso 14 aprile di aderire formalmente alla convenzione.

Ma prima di farlo c’è bisogno del piano che dovrebbe portare la città a ridurre le sue emissioni nocive del 20% entro il 2020. Piano che “richiede una complessità di azioni -si legge nella delibera di giunta- che necessitano di adeguate competenze professionali e che le stesse non sono presenti all’interno dell’Amministrazione Comunale”. Proprio per questo l’amministrazione ora sta cercando un nuovo consulente mettendo sul piatto fino a 35.000 euro.

Anche in questo caso ci sarà una gara d’appalto che potrebbe ridurre l’entità dell’esborso economico sperando che poi, una volta che andranno messi in atto gli investimenti, ci saranno le risorse necessarie per farlo.

di marco.corso@varesenews.it
Pubblicato il 07 agosto 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.